2

La prima parolaccia della storia (d’Italia)

clemente

La prima parolaccia della storia d’Italia: “Fili de le pute”, figli di puttana.

Le parolacce italiane hanno un record che nessun’altra lingua al mondo può eguagliare: la sua prima parolaccia ha quasi mille anni, appare nel primo fumetto della Storia ed è stata scritta in una chiesa. Sembra incredibile, ma è tutto vero. E la storia merita di essere raccontata perché – come spesso accade quando si parla di parolacce – è ingiustamente trascurata. E anche perché ci ricorda che il sacro e il profano sono più vicini di quanto possa sembrare.

Nei libri di storia della letteratura, infatti, quando si parla dei primi documenti della letteratura italiana, si citano i placiti cassinesiSono 4 pergamene, scritte intorno al 960: riportano le testimonianze di alcuni contadini in merito all’appartenenza di alcune terre ai monasteri benedettini. Nulla di artistico, quindi: queste pergamene sono entrate nella storia della letteratura perché sono la prima prova della transizione dal latino all’italiano, attraverso il volgare: la lingua usata dal popolo, che aveva mescolato il latino ai dialetti regionali e alle lingue dei “barbari” (germanici, slavi).
All’inizio il volgare era usato solo nel linguaggio orale, e poi, gradualmente, iniziò ad essere usato anche nei testi scritti. Da questo linguaggio pieno di contaminazioni sono nati l’italiano e le altre lingue neolatine (francese, spagnolo, portoghese).

Ma tra i primissimi documenti “volgari” (e qui uso volutamente un termine ambiguo) quasi tutti i libri di storia della letteratura si dimenticano di citare una parolaccia che appare in un edificio di culto di Roma: la chiesa di San Clemente in via Labicana, a 500 metri dal Colosseo. Una basilica a tre livelli sovrapposti, con meravigliosi mosaici e una lunga storia. Se siete a Roma per il giubileo, merita una visita anche per questo. 


E’ una “basilica minore”, cioè uno dei più importanti edifici di culto italiani. La chiesa, costruita fra il 1084 e il 1100, ospita diverse pitture bizantineggianti che illustrano la vita di papa Clemente, il quarto papa della storia (dall’88 al 97). Nella parte sotterranea della basilica, la più antica, sulle pareti ci sono diverse pitture bizantineggianti che illustrano la vita del papa. Ed è proprio in una di queste che appare la prima parolaccia della nostra letteratura.

papaClemente

Papa Clemente.

Della vita di papa Clemente si sa poco. A lui sono attribuiti vari miracoli, uno dei quali è illustrato dal dipinto di cui vi parlerò in questo post: è lì che è contenuta la prima parolaccia della letteratura italiana.
La storia è questa. Grazie al carisma di Clemente, si era convertita al cristianesimo Teodora, la moglie del prefetto di Roma, Sisinnio. Un’onta per lui, visto che a quell’epoca i cristiani erano fuori legge e come tali perseguitati. La donna non gli aveva detto nulla, ma Sisinnio sospettava di lei. Così, un giorno, il prefetto decise di seguirla per coglierla sul fatto, facendosi accompagnare da due soldati, Gosmario e Albertello. Quando Sisinnio vide che la moglie era andata ad assistere a una messa celebrata da Clemente, ordinò ai suoi militari di arrestarli entrambi. Ma Dio accecò Sisinnio e i soldati: tanto che questi, credendo di aver legato Teodora e Clemente, in realtà stavano trascinando due pesanti colonne. Oltre al danno, la beffa.

Il dipinto raffigura proprio quest’ultima scena: Sisinnio ordina a Gosmario e ad Albertello di trascinare i prigionieri catturati, che in realtà sono colonne. E Clemente li ammonisce dicendo  che, per la durezza del loro cuore, ora sono costretti a trascinare pietre. Vicino ai personaggi, e questa è la particolarità del dipinto, sono scritte le frasi che pronunciano. E’ il primo fumetto della Storia. E queste frasi sono state scritte in volgare: è la prima testimonianza d’uso del volgare per scopi artistici, letterari, dato che è usato per raccontare una storia. Ecco che cosa dicono i personaggi:

SISINIUM: “Fili de le pute, traite”

GOSMARIUS: “Albertel, trai”

ALBERTELLUS: “Falite dereto co lo palo, Carvoncelle!”

SANCTUS CLEMENS: “Duritiam cordis vestris, saxa traere meruistis”.

SISINNIO: “Figli di puttana, tirate!

GOSMARIO: “Albertello, tira!”

ALBERTELLO: “Fa’ leva da dietro col palo, Carboncello!”

SAN CLEMENTE: “A causa della durezza del vostro cuore, avete meritato di trascinare sassi”.

sanclemente_sisinnio_rid

Il dipinto con il primo fumetto e la prima parolaccia della storia.

Eccola, dunque, la prima parolaccia: “Figli di puttana!”. Notevole che sia stata scritta sul muro di una chiesa, ma non è turpiloquio gratuito né blasfemo: è dettato da precise esigenze di realismo narrativo. Sisinnio e i suoi soldati erano mostrati come gentaglia incolta, e quindi usavano un linguaggio basso, infarcito di parolacce: il loro modo di parlare li squalifica, presentandoli come persone grezze. Tant’è vero che, per contrasto, San Clemente parla in un raffinato latino (per quanto impuro).

L’affresco di San Clemente non è un caso isolato, negli albori della nostra lingua. Circa un secolo dopo, il grammatico bolognese Guido Fava (1190-1243) scrisse un componimento dotto sul contrasto fra quaresima e carnevale, un genere che allora era in voga.
Fava immaginava che la quaresima scrivesse al carnevale una lettera per insultarlo: «Tu sai bene che noi conosemo le tue opere, e le tue iniquità sono a noi maniffeste; ché tu se’ fello (fellone) e latro, ruffiano, putanero, glotto, lopo, ingordo e leccatore, biscaçero, tavernero, çogatore (giocatore), baratero, adultero, fornicatore, omicida, periuro (spergiuro), fallace, traditore, ingannatore, mençonero (menzognero), amico de morte e pleno de multa çuçura (zozzura)». Notevole che la quaresima si esprimesse in questi termini… Tempo un altro secolo, e arriveranno le vette artistiche di Boccaccio e Dante, che inseriranno le parolacce nei loro capolavori. Ma questa è un’altra storia….

vito tartamella

vito tartamella

2 Comments

  1. Una nuova opportunità per tradurre una frase in “cultura” , in una analisi di “costume”. Un profilo che meriterebbe un seguito, anche se oneroso. Complimenti, ma ho la certezza che è una strada che porta lontano. Anche a Pompei c’è “materiale” analogo. Buon lavoro.

  2. Bellissimo articolo… primo fumetto, prima parolaccia, primo uso del volgare a scopo narrativo. Se passo per Roma so già dove andare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *