0

Mi insultano su Facebook: che faccio?

Scrive Horacio: «Se su Facebook dico a una donna intollerante con gli stranieri: “Sei una razzista di merda” lei può farmi causa?». Poi c’è il caso di Rosa: «Dopo un battibecco, mia cognata, tramite Whatsapp, mi ha dato della stronza,… Continue Reading

1

Le contraddizioni delle tette

Se volete prendere le distanze, potete chiamarle mammelle, seni, petto… Ma se ci aggiungete il sentimento e l’immaginazione, diventano borracce, zampogne, davanzali, cocomeri, meloni, pere, ciucce, poppe, sise, bocce, zinne, e, ovviamente, tette. Nella nostra lingua, i sinonimi delle ghiandole mammarie… Continue Reading

2

Non tutte le parolacce sono offese

“La Cassazione sdogana le parolacce”. “Frasi scurrili? Al parcheggio si può”. O addirittura: “Dire parolacce in auto non è più reato”. E’ stata presentata in questi termini una sentenza della Cassazione (la n° 15710 dell’8 aprile 2014). Peccato, però, che… Continue Reading

2

Di cosa parliamo quando diciamo vaffanculo

Diciamo la verità: il “vaffa” fa sempre notizia. Sarà anche inflazionato ma resta pur sempre una delle 10 parolacce più usate della nostra lingua (l’ottava, secondo la Banca dati dell’italiano parlato). E resiste all’inflazione: due sentenze recenti della Cassazione, questa e… Continue Reading

0

Politici, non rubateci le parolacce!

«Sono vecchio, ma non rincoglionito». Silvio Berlusconi, 2 marzo 2008 «Ascolterò la città anche a costo di qualche “vaffa”». Francesco Rutelli, 24 febbraio 2008 «Siamo incazzati». Slogan del Partito socialista, 22 febbraio 2008 (v. foto qui sotto) In effetti, sono… Continue Reading

0

Schifosi, lecchini, fancazzisti: basta la parola?

Negli ultimi mesi, la Cassazione ha sfornato diverse sentenze interessanti sulle parolacce. Interessanti perché, in molti casi, demoliscono alcuni luoghi comuni sul confine fra l’uso lecito e illecito degli insulti. E perché fanno riflettere su quali sono i confini della… Continue Reading