0

Gli insulti che cambiano la vita

Insulto politico contro la Merkel: una prima pagina che ha fatto discutere.

L’insulto che mi ha lasciato il segno risale a quando facevo la quarta o la quinta elementare. Stavo prendendo in giro una mia compagna di classe (si chiamava Stefania): per gioco, per fare due risate, come spesso accade fra maschi e femmine. A un certo punto devo aver detto una battuta più efficace (o forse più pesante) delle altre: lei, non sapendo come reagire diversamente, afferrò una voluminosa e pesante copia dell’Atlante geografico De Agostini e me la pestò sulla testa.
Voleva solo fare un gesto teatrale, ma mi fece vedere le stelle: quegli atlanti avevano un peso notevole.
Io, sopraffatto dalla rabbia e dal dolore, esplosi dicendole “Puttana!”.
Le bimbe della classe rimasero ammutolite per la parolaccia, gravissima, e per l’evidente sproporzione con quanto era accaduto.
Ma il più sorpreso, in quel momento, fui io: non avevo mai detto quella parola, chissà dove l’avevo ascoltata e assorbita, e rimasi avvilito. Un’atmosfera di scherzo e di gioco si era improvvisamente appesantita, e non sapevo come uscirne. In più, la testa mi faceva davvero male.
Sono rimasto sotto choc tutto il giorno: non riuscivo a capire come era potuto accadere. Capii solo che dovevo scusarmi con Stefania, anche se era stata lei a farmi male per prima, pur non volendolo. D’altronde, quale ferita era la più grave?

Il semiologo Paolo Fabbri.

Fu quell’episodio, probabilmente, a farmi capire la potenza delle parolacce. Ed è proprio di questo argomento che parlerò, questo venerdì 8 novembre, allo Scriba Festival, il festival di Carlo Lucarelli dedicato alle scritture di mestiere.
Insieme con un insigne semiologo, il professor Paolo Fabbri, parleremo di: INSULTO! I segreti delle parole che feriscono. Racconteremo la loro lunga e insospettabile storia, i casi più eclatanti, il loro funzionamento e gli effetti, come li percepiscono gli italiani, i più divertenti esempi letterari… Se volete partecipare, appuntamento venerdì 8 novembre ore 17 alla sala di Gima-Ima industries, via Kennedy 17, Zola Predosa – Bologna (per prenotazioni: 328-7928112).

In vista di questo incontro, lancio una piccola indagine fra i lettori di questo blog: qual è stato l’insulto che vi ha cambiato la vita? Quello che, dicendolo, vi ha causato più guai (o più successo), oppure quello che vi è rimasto impresso nell’anima…  Quando è avvenuto, perché, e quali effetti ha avuto? (Per chi lo desidera, garantisco l’anonimato). Racconteremo i casi più interessanti al Festival, e poi li scriverò sul blog: potete mandarmi i vostri racconti qui.

Ma non è tutto. Sempre al Festival, con il professor Fabbri farò parte della giuria di una gara singolare: “La pietra dell’insulto”. Gli organizzatori del Festival hanno lanciato, nei mesi scorsi, un contest di ingiurie: una gara  in cui i partecipanti erano chiamati a girare un video di 30” in cui insultavano qualcuno o qualcosa in modo creativo (senza scadere nella volgarità becera).  Venerdì sera, con la conduzione degli attori Angelo Colosimo e Alessandro Fullin, vedremo gli autori dei migliori video in azione “live”.  Per chi vuole assistere a questa finale, appuntamento sempre venerdì 8 novembre alle ore 21 alla Gazzetta (via Zamboni 26, Bologna). Ne sentiremo delle belle…

Il programma integrale del Festival è qui. Vi aspetto!

vito tartamella

vito tartamella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *