1

Salviamo il vaffa dall’inflazione!!!

Alberto Sordi fa il gesto dell'ombrello nel film "I vitelloni".

Alberto Sordi fa il gesto dell’ombrello nel film “I vitelloni”.

La notizia ha fatto scalpore: “La Cassazione assolve il ‘vaffa’, non è più un’offesa”.
Questo, più o meno, il tenore dei titoli dei giornali del 18 luglio, che riferivano una recente sentenza della Corte di Cassazione (la n° 27966 della Sezione V Penale, 23 maggio – 13 luglio 2007).
La suprema corte ha assolto un consigliere comunale di Giulianova Marche (Teramo) che aveva mandato a quel “paese” il vicesindaco durante un consiglio comunale del 1999.
Pertanto – hanno argomentato molti giornali – il vaffanculo è legalizzato, non è più un’ingiuria, ovvero un’offesa all’onore (= valore sociale) e al decoro (= doti fisiche, intellettuali e professionali) di una persona. Insomma, non sarebbe più punibile secondo quanto prevede l’articolo 594 del Codice Penale.

Ma è proprio così? La risposta è: NO!!!

Innanzitutto, i fatti. Il vaffanculo è stato la risposta a questa frase del vicesindaco: «Ci si deve vergognare di essere comunisti!». Dunque, il vaffa è stato una legittima (per quanto volgare) difesa. E guarda caso, proprio il Codice Penale afferma che se le offese sono reciproche non si è punibili: infatti il vaffa è stato detto, sottolinea la sentenza, “in risposta a frasi che non postulano, per serietà e importanza del loro contenuto, manifestazione di specifico rispetto”.
Ma c’è anche un altro aspetto sottolineato dalla Corte: il vaffa è scaturito “tra soggetti in posizione di parità”. Non è un aspetto da poco: “è evidente” dice ancora la sentenza “che se queste espressioni volgari vengono pronunciate nei confronti di un’insegnante che fa un’osservazione o di un vigile che dà una multa (o di un giudice in tribunale, aggiungo io, ndr) esse assumono carattere di spregio”. Quindi, altro che legalizzato! Il vaffa continua a rimanere un’ingiuria pesante. Anzi, tecnicamente parlando, una “maledizione”: con questa formula si augura il male (fisico) a un’altra persona. Provate a dirla al vostro capo….

Bisogna ricordare, infatti, che la Corte Costituzionale è da sempre meno severa nel giudicare le parolacce dei politici (come anche dei tifosi sportivi e degli automobilisti), tenendo conto – giustamente – del fatto che nella dialettica politica si scatenano emozioni molto forti. Quindi è naturale e comprensibile che, in una discussione, si passi alle maniere (verbali) forti.

Allora, tutto come prima? Non proprio. Perché la suprema corte fa un’osservazione sociologica: “l’uso troppo frequente, quasi inflazionato [di parolacce] ha modificato in senso connotativo la loro carica: il che ha determinato e determina certamente un impoverimento del linguaggio e dell’educazione”. Così, “vi sono delle parole e anche frasi che, pur rappresentative di concetti osceni o a carattere sessuale, sono diventate di uso comune e hanno perso il loro carattere offensivo”. In pratica, “vaffanculo” è diventato sinonimo di “non infastidirmi, non voglio prenderti in considerazione, lasciami in pace”.
Su questa considerazione non sono del tutto d’accordo. È vero che negli ultimi 10 anni le parolacce si sono inflazionate e – di questo passo – rischiano di perdere il loro potere offensivo. Ma il vaffanculo ha ancora la sua forza, che dipende da come viene pronunciato, da chi e verso chi. Può essere ancora un liberatorio atto di ribellione e di sfogo, un potente sberleffo verso il potere e chi ne abusa.

In ogni caso, al grido di allarme della Cassazione non dobbiamo restare insensibili. Che cosa sarebbe il mondo senza il vaffanculo, magica formula di ricca di consonanti fricative (F e V), tipiche del disprezzo e del rifiuto e con una consonante occlusiva (C) tipica della forza e della durezza? Il “vaffanculo-day” di Beppe Grillo perderebbe la sua carica dirompente. E i comici perderebbero l’occasione di fare sketch esilaranti, come quello celebre di Aldo Baglio (del trio Aldo, Giovanni e Giacomo) nel film “Tre uomini e una gamba”.

Quindi, prendendo a prestito le parole di Italo Calvino (intervenuto a proposito della parola cazzo) difendiamo anche il vaffanculo da un uso “pigro, svogliato, indifferente”.
Spezziamo una lancia per il vaffa. E fanculo a chi lo inflaziona, svuotandolo di senso e di forza!

vito tartamella

vito tartamella

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *