0

Inno alle… cose sporche

Eleonora ha detto:
Come rispondeva la mitica Mafalda, a chi le chiedeva “Perchè strofini il tuo ciuccietto per terra… non sai che è sporca?”, lei rispondeva: “Gli do il sapore!”. Saluti… Eleonora

 

Cara Eleonora, è proprio vero che le donne hanno un’intelligenza superiore! La tua riflessione è molto stimolante.
Le cose sporche, traducendo la tua immagine, sono quelle che… hanno sapore. Per tanti motivi. Primo: perché l’infanzia (non a caso, Mafalda è una bambina) è il regno dello “sporco”. Gran parte degli sforzi educativi dei genitori mirano a insegnare ai bambini la pulizia e il controllo sulle “cose sporche” (cacca, pipì e sesso). Eppure, già in tenera età, i bambini capiscono il potere sovversivo di queste cose (e delle parole, le parolacce, che le esprimono).
Non a caso, Roberto Benigni, nel celebre “Inno del corpo sciolto” ha usato la gli escrementi per esprimere un senso giocoso e ribelle di libertà:
“Viva la merda che ricopre tutto il mondo: / è un mondo libero, un mondo squacchera, / perché spillacchera di qua e di la. / Cacone, merdone, stronzone, puzzone: / la merda che mi scappa si sparga su di te”.
Le parolacce, le “parole sporche” sono “parole magiche” perché hanno il potere di esprimere in modo diretto e pittorico le nostre emozioni. Senza filtro. E proprio per questo sono proibite: parlano di cose così delicate (sesso, religione, morale…) che vanno “maneggiate con cura”. E proprio il fatto che sono proibite dà potere alle parolacce: la parolaccia è scioccante perché dicendola infrangiamo un tabù.
Le parolacce sono come ali: possono “volare” solo grazie alla resistenza dell’aria (= i divieti della società).

vito tartamella

vito tartamella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *