0

Falli (linguistici) da espulsione

Un arbitro espelle un calciatore: le parolacce sono punite col cartellino rosso.... quasi sempre.

Quali parolacce fanno rischiare l’espulsione a un calciatore?

In teoria tutte, ma in pratica non è così: il cartellino rosso è quasi certo se si prende di mira la sfera sessuale di un arbitro, ma lo è molto meno se lo si insulta per il suo aspetto fisico. Dunque, se volete sfogarvi con un arbitro, avete qualche chance di farla franca se gli dite che è un grassone, ma non se gli dite che è un figlio di p***.

 

Parola dell’Università di Vienna, che ha appena pubblicato sul “Journal of Sports science and medicine” una ricerca sulle conseguenze delle parolacce pronunciate durante le partite di calcio. Gli studiosi, in particolare, hanno chiesto a 113 arbitri di precisare, a fronte di un campione di 28 parolacce, in quali casi avrebbero estratto il cartellino rosso: solo un insulto su 2 (il 55,7%) è stato giudicato meritevole della sanzione più severa. Anche se il regolamento della Fifa (articolo 12) e quello della Figc (sempre l’articolo 12) prevedono sempre l’espulsione per qualsiasi uso di linguaggi e gesti offensivi.

Oltre ai falli (intesi come infrazioni sportive) anche la continenza verbale, infatti, è un elemento importante nel mantenere un clima corretto e rispettoso fra i giocatori. E durante le partite di calcio, come in molti altri sport agonistici, il linguaggio non è propriamente da accademici della Crusca: il gioco accende passioni fortissime, e le parolacce sono proprio il linguaggio delle emozioni incontenibili. Tant’è vero che, come racconto nel mio libro, proprio gli arbitri, insieme agli infermieri, ai poliziotti, alle guardie carcerarie e ai docenti, sono fra le categorie professionali più esposte agli insulti.


Salvatore Soviero (1999, all’epoca portiere del Genoa) insulta un guardalinee con una  litania in pugliese: da antologia.

Ma come si è svolta la ricerca su questo argomento? In 2 fasi. Prima gli austriaci hanno reclutato 13 arbitri, a cui è stato chiesto di valutare il grado di offensività, con punteggi da 1 a 7, di una lista di 100 parolacce:  più o meno quanto ho fatto – con un campione ben più ampio – con il mio volgarometro nel 2009.

Risultati alla mano, i ricercatori hanno selezionato in questo elenco 28 parolacce, scegliendo quelle giudicate ad offensività alta, moderata e leggera, e le hanno suddivise in 5 categorie in base al contenuto: insulti contro le capacità di giudizio (cieco!), contro l’intelligenza (idiota!), contro l’aspetto fisico (grassone!), l’orientamento sessuale (frocio!) o l’area genitale-escrementizia (merda!).

Ecco l’elenco dei 28 insulti selezionati. Sono tipicamente austriaci: non cercate la parola “cornuto”, non la usano!

 

TERMINE AUSTRIACO TRADUZIONE ITALIANA
Area genitale-escrementizia
Arschloch Stronzo (lett. Buco di culo)
Drecksack Stronzo (lett. Sacco di immondizia)
Geh scheißen Va a cagare
Quadratoarsch Stronzo al quadrato
Wixer Sega, segaiolo
Hurensohn Figlio di puttana
Orientamento sessuale
Warmer frocio
Capacità intellettive
Bauer Ignorante (lett. Contadino)
Schani tonto
Schneebrunza idiota
Schwachkopf Demente
Strohschädel Imbecile
Trottl Tonto
Vogel Scemo
Zwiderwurz’n brontolone
Kasperl Buffone
Scherzküberl Buffone
Capacità di giudizio
Deresche/r [dt. Tauber, hörbeinträchtigt] sordo
Schaßaugerte/r miope
Wappla Debole, inetto
Häusl inaffidabile
Warmduscher Debole, inetto
Aspetto fisico
Fettsack Palla di lardo
Zwerg Mezza cartuccia, pigmeo
Knirps tappo
Zombie Zombi
Schwarze Sau [Schiedsrichter] Porco (lett: scrofa nera)
Wichtl Nanetto

Nella seconda fase, i ricercatori hanno inviato un questionario a diversi arbitri, chiedendo loro di immaginare una situazione concreta: un rigore negato. In una partita del tutto corretta, e ancora in parità, al 30’ l’attaccante della squadra di casa tira la palla che colpisce, nell’area di rigore avversaria, un difensore. L’arbitro fa proseguire il gioco dicendo che il difensore ha toccato la palla involontariamente, e con la spalla: ma il capitano della squadra di casa non la vede così, e dice… (una delle 28 parolacce) all’arbitro.

Che cosa fareste nei suoi panni? Lo espellereste o no?

Al questionario hanno risposto 113 arbitri di tutte le categorie (dai dilettanti ai professionisti) dai 17 ai 65 anni, con una media di esperienza di arbitraggio di quasi 11 anni ciascuno.

Prima sorpresa: solo una parolaccia su 2 è stata ritenuta meritevole di espulsione. E per la grande maggioranza erano insulti a sfondo sessuale, come emerge da questa tabella che mostra le percentuali di reazione degli arbitri a seconda del contenuto della parolaccia:

Area genitale Orientamento sessuale Intelligenza Capacità di giudizio Aspetto fisico
Nessuna reazione 4% 3,6% 2,1% 10,6% 11,5%
Richiamo 5,9% 5,9% 5,9% 19,3% 20,4%
Cartellino giallo 12,1% 14,4% 31,2% 31,4% 31,5%
Cartellino rosso 80,7% 73,7% 58,8% 39,9% 33,8%

Quali considerazioni trarre da questi risultati? Innanzitutto che, fra gli insulti, quelli a sfondo sessuale sono vissuti come i più irrispettosi perché invadono una sfera tanto delicata quanto intima e quindi inviolabile: ecco perché, a prescindere dal contesto, dal tono, dalle intenzioni del parlante, questo tipo di insulti è vissuto quasi sempre come altamente offensivo e inaccettabile (come già avevano mostrato i risultati del volgarometro). Ed ecco perché un insulto classico rivolto verso gli arbitri (cornuto) va a toccarli proprio nella sfera sessuale. Anche se, verso un arbitro, sarebbe più pertinente, e quindi in teoria più offensivo, un insulto contro le sue capacità di giudizio, che invece gli stessi direttori di gara collocano al penultimo posto della classifica degli insulti più gravi.

Seconda considerazione. Gli arbitri usano molta discrezionalità nelle loro decisioni: non sempre ritengono di punire una parolaccia, anche se il regolamento non prevede eccezioni. Perché? Per vari motivi: innanzitutto, per diverse sensibilità personali. Un arbitro può sentirsi offeso più da un certo tipo di insulti che da altri: ed è un peccato che la ricerca non abbia preso in esame gli insulti che ataccano le origini etniche, la classe sociale o il livello di istruzione. D’altra parte, un arbitro tende a lasciar correre l’uso di parolacce perché sa che, giocando, ci si infiamma: ecco perché è fondamentale saper distinguere tra uno sfogo passeggero e la volontà deliberata di offendere, di far male a qualcuno, anche se solo a parole. Il direttore di gara, insomma, deve saper giudicare il contesto: per quale motivo, con quale spirito sono dette le parolacce, e con quali effetti reali o possibili. E deve anche saper giudicare le conseguenze di un’eventuale espulsione: aiuta a mantenere la disciplina in campo o fa precipitare le cose? Sono decisioni difficilissime, e vanno prese in una frazione di secondo.

Ecco perché lo studio austriaco, seppur interessante, ha un grosso limite di fondo, di cui gli stessi autori sono consapevoli: è difficile giudicare una situazione di gioco in astratto, con un questionario. Le prossime ricerche in questo campo, si augurano gli austriaci, andranno fatte giudicando filmati di situazioni reali: e le partite italiane sono, da questo punto di vista, una vera miniera…

Mondiali 2006: Zinedine Zidane (Francia) dà una testata a Materazzi, che aveva insultato sua sorella.

vito tartamella

vito tartamella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *