4

Le parolacce di Lucio Dalla: un rivoluzionario

Lucio Dalla: 1943-2012.

A volte la genialità si vede anche nei dettagli. Tra le tante innovazioni artistiche di Lucio Dalla, recentemente scomparso, ce n’è una che è passata quasi inosservata: l’uso di parolacce nelle sue canzoni. E dire che – mettendole insieme tutte, come vedrete più sotto – sono impressionanti per quantità e qualità. Ne voglio parlare in questo post, anche per un omaggio a un artista che ho apprezzato in tante canzoni.
Avevo parlato di lui nel mio libro, a proposito della celebre canzone “4 marzo 1943”, perché fu uno dei casi storici di censura nella storia della musica italiana. Il testo, scritto da Paola Pallottino, si intitolava in origine (tutto attaccato) “Gesubambino”, storia di una ragazza-madre: tema decisamente rivoluzionario per l’epoca. Lucio Dalla volle portare la canzone a Sanremo,  correva il 1971, e i censori della Rai lo costrinsero a cambiare non solo il titolo, ma un’intera strofa, questa: “E adesso che bestemmio e bevo vino / per i ladri e le puttane sono Gesù Bambino”. La strofa diventò “E ancora adesso che gioco a carte e bevo vino / per la gente del porto mi chiamo Gesù Bambino”.
Ne valse la pena: il brano rese celebre Dalla, che poi si rifece cantando la versione originale negli anni successivi (per esempio in Banana Republic, 1979, con Francesco De Gregori).

Ma il brano che più di ogni altro ha segnato una rottura rivoluzionaria nei testi della canzone italiana è un altro: “Disperato erotico stomp”. La canzone è del 1977, nell’album “Com’è profondo il mare”, e ha segnato il suo esordio come paroliere. Perché rivoluzionaria? È una canzone ironica e giocosa nella musica ma amara nel contenuto: parla della solitudine di un uomo tradito e disprezzato dalla sua donna, che gira a vuoto per Bologna e poi torna a casa a masturbarsi. La canzone fece epoca, non solo per i temi affrontati, ma soprattutto perché introduceva termini mai sentiti in un brano: fica (te ne sei andata via con la tua amica, quella alta, grande fica) e cappella (Prima di salir le scale mi son fermato a guardare una stella / sono molto preoccupato, il silenzio m’ingrossava la cappella). Ma non erano le uniche parolacce in quella canzone: Dalla immagina il protagonista fermarsi a parlare con una prostituta (A parte il vestito, i capelli, la pelliccia e lo stivale  aveva dei problemi anche seri, e non ragionava male. Non so se hai presente una puttana ottimista e di sinistra, ). E forse fu per questo accostamento fra politica e prostituzione che la sinistra lo attaccò: Sergio Saviane, su L’Espresso, scrisse: «Dalla, per fare troppo lo spiritoso o per far vedere che soffre, condisce i suoi spaghetti canori miliardari con i luoghi comuni della miseria e del sesso sottoproletario: siamo arrivati al populismo della masturbazione bolognese. Che bisogno c’è di tanti culi, fiche, peli o pippe per mandare un messaggio?». Val la pena, quindi, ascoltare il testo integrale della canzone:

Da segnalare anche due canzoni stravaganti: “Stronzo”, un brano strumentale funky in inglese maccheronico. Nessuno aveva mai usato questa parola come refrain, in una canzone no-sense.

E “Merdman”, storia di un marziano disgustoso che diventa una star dei talk show: una critica feroce (e profetica) alla tv spazzatura.

Messe tutte insieme (vedete tabella qui sotto: spero di non averne dimenticata nessuna!) le parolacce delle canzoni di Dalla fanno una certa impressione. Sono 55: “puttana” e “stronzo” erano senz’altro le sue preferite. Gli album che ne contengono di più (6) sono Henna (1994) e 12.000 lune (2006), ma, come potete vedere nella tabella qui sotto, il lessico volgare è presente in tutto l’arco della sua carriera.
Eppure, chi l’avrebbe detto che sono così numerose?
Sono passate (quasi) inosservate perché avevano un senso espressivo nel contesto in cui Dalla le aveva inserite. E perché rispecchiavano il suo spirito ingenuo e giocherellone, e quello popolare bolognese, genuino e senza filtri.

Canzone (con link al testo integrale) Album (anno) Parolacce strofa
Disperato erotico stomp Com’è profondo il mare (1977) Fica te ne sei andata via con la tua amica, quella alta, grande fica.
Puttana (2) non era tanto freddo, e normalmente ho incontrato una puttana Non so se hai presente una puttana ottimista e di sinistra
Deficiente non abbiamo fatto niente, ma son rimasto solo, solo come un deficiente.
cappella sono molto preoccupato, il silenzio m’ingrossava la cappella
Ma come fanno i marinai Banana republic (1979) puttana sotto la luna puttana e il cielo che sorride
L’ultima luna Lucio Dalla (1979) culo toccava il culo a una signora
e rideva e toccava
sembrava lui il padrone
Mambo Dalla (1980) Puttana non dormo da una settimana,
per quel cuore di puttana
Meri Luis Dalla (1980) tette ha benedetto il cielo come fosse un fratello
per le sue belle tette e per l’amico che le vuole toccare
Telefonami tra vent’anni Lucio Dalla – Q disc (1981) stronzo ah io sarei uno stronzo
quello che guarda troppo la televisione !
Ciao a te Lucio Dalla – Q disc (1981) finocchio Ciao a te e a tuo figlio finocchio
Stronzo 1983 (1983) Stronzo (12) [coro ripetuto]
1983 1983 (1983) culo erano gli anni della guerra, tutti col culo per terra
Se io fossi un angelo Bugie (1985) piscerei vi do due ore, due ore al massimo
poi sulla testa vi piscerei
Merdman Henna (1994) Merda (3) merda sto precipitando c’è qualcuno lì

“Sono Merdman c’è qualcuno lì”

Stronzo (2) Sempre sporco con uno stronzo sulla fronte Non parliamo dei bambini anche i più belli
Che si mettevano uno stronzo tra i capelli
Erosip

 

Henna (1994)

 

Culo Mi piace la bocca il tuo culo i tuoi piedi
casino In mezzo al casino della stanza mentre parli con me
Ballando ballando

 

Canzoni (1996) culo ma vado a culo col mondo
ballando ballando oh yeah
figa Ballando ballando
vado a figa con Sandro
Io tra un’ora sono lì Ciao (1999) Stronzo

incazza

c’e ‘sto stronzo che si incazza
cagato tu stai bene cagato così
Trash

 

 

 

Ciao (1999) merda

 

Sono un disgraziato
una merda sopra un prato
fuck you (3) depression, fuck you now
stronzo non è detto che è uno stronzo, soprattutto di me
Ciao

 

 

Caro amico ti scrivo (2002) puttana

 

dello sforzo dei poeti, dei mezzi giornalisti
puttane e kosovari, poi altri tipi misti
coglione il gelato e l’ombrellone
abbronzati un coglione,
Canzone

 

Caro amico ti scrivo (2002) cesso Nel cesso di una discoteca
O sopra il tavolo di un bar
Dark Bologna

 

12000 lune (2006) casino (2)

 

Bologna, sai mi sei mancata un casino

ma che casino, quanta gente

busone

puttana

cos’è sta confusione?
c’è una puttana, anzi no: è un busone
maroni ah no, c’è Sirio, ma che due maroni
merda così cammino per la piazza con una merda sul paletot
pugnette (le pugnette sui tetti, che belli quei cieli seduti là insieme)
Rimini

 

 

Il contrario di me (2007) tette

 

ricordo una donna con la faccia di latta/e le tette di gomma/
puttana e una vecchia bambina puttana /mutilata,
Malinconia d’ottobre Il contrario di me (2007) piscia

 

un cane passa, piscia e ride e aspetta insieme a me

Questo post è stato recensito sull’inserto domenicale de “Il Sole 24 ore”. Potete leggere l’articolo qui.

vito tartamella

vito tartamella

4 Comments

  1. l’uso della parolaccia nella musica italiana non è invenzione di Dalla, ma bensì del grande Piero Ciampi, con la canzone Adius del 1975, con il vaffanculo ripetuto più di dieci volte.

    • Non ho mai detto che Dalla sia stato il primo a inserire parolacce nelle canzoni: ho solo voluto ricordarlo approfondendo questo aspetto. La canzone di Ciampi la conosco, e infatti l’ho inserita nell’articolo che parla del significato della parola “vaffanculo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *