0

La Thatcher e i coccodrilli

Le prime pagine dei giornali britannici sulla Thatcher: solo il Daily Mirror è critico.

Nel gergo dei giornalisti, un articolo preparato prima della morte di un personaggio pubblico si chiama “coccodrillo”. Perché nonostante l’apparente cordoglio, è stato scritto con indifferenza: come le lacrime di coccodrillo, appunto. Non so se gli articoli sulla morte dell’ex premier britannico Margaret Thatcher (1925-2013) fossero coccodrilli tirati fuori per l’occasione. Di certo, gran parte di questi articoli ne ha tracciato un ritratto poco critico, o addirittura l’ha trasformata in un’eroina: La “Lady di ferro che ha salvato il Paese”.
Eppure il suo governo non è stato esente da ombre: la Thatcher – donna di polso, che non aveva paura di assumersi la responsabilità di decisioni impopolari – ha introdotto in Gran Bretagna un liberismo sfrenato, smantellato i diritti dei lavoratori, privatizzato molti servizi pubblici. Rendendo i ricchi ancora più ricchi, e i poveri ancora più poveri.

Londra: feste di piazza per la morte della Thatcher.

Ecco perché, anche a distanza di 23 anni dalle sue dimissioni, la sua scomparsa ha ispirato non solo lacrime (di coccodrillo o sincere) ma persino feste di piazza, con centinaia di partecipanti che brandivano cartelli con lo slogan “The witch is dead” (la strega è morta) o addirittura “The bitch is dead” (“La puttana è morta”). Una scelta dirompente, soprattutto perché parlar male di un morto, in generale, è tabù: tant’è che molti giornali hanno censurato la notizia.
Eppure, più di queste manifestazioni, sulla morte della Thatcher mi ha colpito un’altra presa di posizione molto dura.

Il regista Ken Loach.

Quella di Ken Loach, registra di sinistra politicamente impegnato: «Margaret Thatcher è stato il primo ministro che ha seminato più divisioni e devastazioni nella storia moderna. Disoccupazione di massa, fabbriche chiuse, comunità distrutte: questo è quello che ci ha lasciato. E’ stata una combattente e il suo nemico era la classe operaia inglese. Le sue vittorie sono state facilitate dalla corruzione della dirigenza laburista e di gran parte dei sindacati. E’ grazie alle politiche a cui ha dato il via lei che oggi ci ritroviamo in questo disastro. Altri premier hanno seguito la sua strada, in particolare Tony Blair. Lei era il suonatore di organetto, lui la scimmietta. Non ci dimentichiamo che definì Mandela un terrorista e che prendeva il tè con il torturatore e assassino Pinochet. Come la dovremmo onorare? Privatizziamo il suo funerale. Indiciamo un’asta competitiva e accettiamo l’offerta più bassa. E’ quello che avrebbe voluto lei».
Il che dimostra che si può essere spietatamente mordaci anche senza usare parolacce.

 

vito tartamella

vito tartamella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *