2

Il film più volgare della Storia

Ha fatto incetta di premi e nominations. Ma “The wolf of Wall Street” (regia di Martin Scorsese) resterà negli annali per un altro record: quello del secondo film con più parolacce nella storia del cinema. Durante i suoi 180 minuti, ne contiene 687: quasi 4 al minuto. E l’83% (4 parolacce su 5, ovvero 569) sono varianti del verbo “fuck” (fottere, fanculo).
Il primato del film più volgare della Storia è stato battuto, l’anno successivo, da un film canadese che probabilmente non uscirà mai in Italia:”Swearnet: the move“. E’ la storia di 3 star della tv canadese (Mike Smith, John Paul Tremblay e Rob Wells) che interpretano se stessi mentre cercano di creare una rete Internet totalmente senza censure. Il film contiene 935 “fuck”: più di 8 al minuto.
Questi record sono interessanti perché stimolano alcune riflessioni. Prima di farle, una curiosità: chi si è preso la briga di contare tutte le parolacce del film uscito anche in Italia, ovvero “The wolf of Wall Street”?

Gli americani, col loro puritanesimo e la sensibilità nella tutela delle delicate orecchie dei minorenni, hanno varie associazioni che si occupano di dare un rating, cioè una valutazione (morale), ai contenuti dei film. Negli Usa, “The wolf of Wall Street” è classificato “R” (vietato ai minori di 17 anni, a meno che siano accompagnati da un adulto), e in Italia è vietato ai minori di 14 anni.
Già al momento della sua uscita, il film aveva fatto scalpore negli Usa per il linguaggio sboccato. Ed erano uscite varie cifre sulla quantità di parolacce presenti nella pellicola.
Così il giornalista Gilbert Cruz del sito statunitense
vulture.com (del gruppo “New York magazine”) si è preso la briga di fare un lavoro straordinario: ha visto il film due volte e mezzo, annotando pazientemente tutte le parolacce pronunciate.
Nel grafico qui sopra ho riassunto i risultati della sua ricerca.

Del resto, nei Paesi anglofoni “fuck” è una parola jolly (in italiano “cazzo” svolge la stessa funzione), come mostra questa divertente spiegazione di Osho Rajneesh, un guru indiano:

Ma torniamo ai film e alle parolacce. A che servono, perché se ne dicono così tante? “The wolf of Wall Street” racconta la storia (vera) di Jordan Belfort, un broker di Borsa: la sua mirabolante ascesa e il suo inevitabile declino, negli anni ’80 e ’90, trattandosi di un truffatore spregiudicato. Geniale e spericolato, Belfort accumula milioni, e passa le giornate tra affari, cocaina, eccessi e orge. Il film è classificato come “commedia nera”, ma ottiene rating “estremi” in quasi ogni campo: dall’uso di droghe al nudo, alla violenza, fino, ovviamente, al linguaggio scurrile:

I contenuti di “The wolf of Wall Street” valutati dal sito Screenit.

Dunque, il linguaggio estremo è al servizio di una trama estrema: serve a dare realismo alla pellicola. Uno dei messaggi di Scorsese è che oggi il teatro delle violenze non sono tanto i bassifondi, quanto il luccicante mondo degli affari, che siano i giochi di Borsa o quelli delle scommesse.
D’altra parte, ciò è avvenuto anche per gli altri film con più fuck (su
Wikipedia la classifica integrale): se guardiamo la “top ten”, 8 film su 10 sono film drammatici o thriller, tranne “The wolf of Wall Street” e “Straight Outta Compton” , classificati come film biografici.
Nella tabella qui sotto non ho inserito “Fuck” del 2005, un documentario di 93 minuti di Steve Anderson: l’ho escluso perché è un approfondimento monografico proprio sulla popolare parolaccia inglese. Non trovo corretto farlo competere con la fiction. Per la cronaca, comunque, ha 857 fuck in 93 minuti (9 al minuto).

Film genere anno fuck durata (minuti) fuck/minuto
Swearnet: the movie commedia 2014 935 112 8,35
The Wolf of Wall Street biografico 2013 569 179 3,18
SOS: Summer of Sam drammatico 1999 435 142 3,06
Niente per bocca drammatico 1997 428 128 3,34
Casinò drammatico 1995 422 178 2,40
Straight Outta Compton biografico 2015 392 167 2,35
Alpha Dog drammatico 2007 367 118 3,11
End of Watch – Tolleranza zero thriller 2012 326 109 2,99
Twin Town drammatico 1997 318 99 3,21
Running thriller 2006 315 122 2,58
Sweet sixteen drammatico 2002 313 106 2,95

Dunque, almeno a Hollywood, le parolacce servono a dare realismo ai film con contenuti violenti, più che a far ridere, come avviene in Italia (avete presente i film di Checco Zalone o i cinepanettoni?). E, guardando meglio la clasifica, emerge un altro dato interessante: sono presenti molti film d’autore, come “Summer of Sam” di Spike Lee, “Casinò” (sempre di Scorsese) e “Sweet sixteen” di Ken Loach. Nel cinema anglosassone, insomma, la parolaccia, più che a strappare una facile risata, è più usata per portare sullo schermo un crudo realismo.
Se volete sapere i film che contengono una parolaccia nel titolo, leggete questo altro articolo: sono quasi un centinaio.

vito tartamella

vito tartamella

2 Comments

  1. Non sono molto d”accordo sul fatto che “il linguaggio estremo è al servizio di una trama estrema: serve a dare realismo alla pellicola”, specie dopo aver visto il film.

    Alla fine tutte quelle parolacce (ma anche la violenza e il sesso), creano un forte senso di ridicolo. A metà film è subentrata la noia, perché a parte sesso e parolacce non succedeva niente di interessante: parecchie persone in sala hanno tirato fuori il telefonino e si divertivano su internet.

    Uscita dalla sala mi è rimasto il dubbio che il linguaggio estremo non fosse al servizio di una trama estrema, quanto che il film fosse al servizio delle parolacce.

  2. Dal blog dei fan dei Blink 182 (nota punk rock band statunitense):

    “Per chi non lo sapesse, i Blink hanno dovuto aggiungere all’inizio della loro carriera il 182 a causa di un’omonimia con una band irlandese. Si sono fatte molte speculazioni sul significato di questo numero, nonostante i blink-182 avessero detto che era stato scelto a caso. Una dei significati più diffusi era che sia stato detto 182 volte “Fuck” nel film “Scarface” dove il protagonista è Al Pacino.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *