5

Dimmi che lavoro fai. E ti dirò il tuo insulto

Alcuni sinonimi spregiativi di necroforo (disegno Shutterstock).

«Smettila di comportarti come un bifolco!». «Altro che un dentista, quello è un cavadenti!».  «Siamo stufi di questi politicanti!». Ci avete fatto caso? Quando vogliamo insultare qualcuno, a volte lo offendiamo per il lavoro che fa (o per come lo fa). Ma perché si può offendere qualcuno prendendo di mira la sua attività lavorativa? Perché esistono professioni così disonorevoli da essere usate come offese?
Gli insulti professionali sono una categoria molto interessante. Il lavoro, infatti, esprime e al tempo stesso costruisce la nostra identità: siamo quello che facciamo. La professione esprime quale posto occupiamo nella società, quanto valiamo e quanto contribuiamo al nostro bene e al bene comune. Dunque, sono offese che colpiscono il nostro ruolo pubblico, e dato che siamo “animali sociali”, le offese in questo ambito ci colpiscono al cuore della nostra onorabilità. Chi lavora male o fa un brutto lavoro perde la faccia, viene additato e disprezzato.
Viste queste premesse, ho deciso di fare un censimento completo di questi insulti. Mi aspettavo di trovarne una ventina, e invece sono un centinaio: per la precisione sono 131, e prendono di mira 32 figure professionali. Quali sono? E perché sono disprezzate?

Per rispondere a queste domande, guardiamo subito la lista completa di questi insulti:

professione epiteti insultanti motivazione
attrice/attore attricetta/attorucolo
avvocato avvocaticchio, avvocatucolo, avvocatuncolo, leguleio, paglietta (per l’uso che avevano un tempo gli avvocati napoletani di portare cappelli di paglia neri), parafanghista (avvocato dedito a cause per incidenti stradali), azzeccagarbugli, mozzaorecchi
barista oste (persona pettegola e opportunista)
calzolaio ciabattino
colf, donna delle pulizie sguattera/o, serva/o
commerciante bottegaio, pescivendolo, pellaio (conciatore, venditore di pelli: significa anche persona rozza e ignorante), faccendiere, mercante, maneggione
contadino bifolco, villano (maleducato), cafone, burino, tamarro (venditore di datteri), pecoraio (stereotipo falso: nell’Italia preunitaria, proprio i pecorai, spostandosi nelle transumanze e leggendo nelle soste a compagni ignoranti i “libri de pelliccia” – grandi poemi cavallereschi che portavano con sé nelle tasche delle pellicce – promossero la diffusione dell’italiano), zappaterra
dentista cavadenti
disoccupato fancazzista, perdigiorno, pelandrone, pigrone, poltrone, fannullone, scansafatiche, sfaccendato, scioperato, lavativo, perditempo, bighellone, vagabondo, ozioso, indolente
fotoreporter paparazzo
giornalista giornalaio, pennivendolo, scribacchino, imbrattacarte, imbrattafogli, velinaro, pennaiolo
giudice ammazzasentenze (giudice incline ad annullare giudizi di gradi inferiori)
guidatore carrettiere (persona di modi volgari), camionista
impiegato, funzionario burocrate, burosauro,mandarino (alto funzionario che vorrebbe conservare e far valere a ogni costo i privilegi più esclusivi della sua carica), travet (impiegato mal pagato e di basso livello), ragionierino, mangiacarte, mezzamanica, portaborse
imprenditore edile palazzinaro
informatico, programmatore nerd (sfigato, chi è portato per la tecnologia ma è imbranato in tutto il resto ed è incapace nei rapporti sociali)
manovale manovalanza
medico, chirurgo beccaio, cavasangue,  cerusico, conciaossa, macellaio, norcino, scannagalli, segaossi
necroforo beccamorto, becchino, tombarolo, vespillone
netturbino spazzino
pittore imbrattatele
politico tangentaro/tangentista, bonzo (persona autorevole, che si comporta con eccessiva e ridicola solennità), politicante, corrotto, politicume, politicastro, venduto
poliziotto, militare sbirro (agente con metodi arbitrari, servo del potere, corrotto, violento), caporale (persona prepotente, autoritaria), piedipiatti, sgherro
portiere, custode portinaio (persona pettegola)
professionista, artista mestierante (impreparato, improvvisato), artistoide
prostituta, lavoratrice del sesso puttana, mignotta, zoccola, troia, corpivendola, bagascia, battona, squillo, meretrice, donna di vita/di strada/di malaffare/da marciapiede, malafemmina, escort, passeggiatrice, lucciola, bella di notte, marchettara, sgualdrina
psicologo strizzacervelli
sacerdote, prete corvo, gesuita, pretucolo,  pretignuolo, pretino, pretoccolo, pretoide, pretume
uomo di fatica facchino, scaricatore di porto, camallo
uomo/donna delle pulizie sguattero/a
usuraio strozzino, sanguisuga, mignatta, cravattaro
vigilante sceriffo

legenda: nomignolo attribuito per:

classismo
delusione
paura

Come si può notare, diversi di questi insulti professionali sono costruiti alterando il nome di un lavoro con suffissi diminutivi, accrescitivi o peggiorativi: vedi pretino, pretoccolo, pretoide… (per sapere come offendere usando solo i suffissi, vedi questo altro mio articolo). 

Un vecchio “Topolino”. Inquietante.

Ma questo elenco dà lo spunto anche per altre riflessioni. Un eloquente indizio è vedere quali sono le categorie più bersagliate, ovvero quelle con il maggior numero di sinonimi e varianti: la lingua batte dove il dente duole. Fuori di metafora, le figure professionali che hanno generato più insulti sono quelli che colpiscono di più la nostra immaginazione, che suscitano le emozioni più forti e complesse.
Come potete vedere nella tabella, le attività che hanno ispirato il maggior numero di epiteti offensivi sono l’avvocato (leguleio, azzeccagarbugli, avvocaticchio, etc), il commerciante (bottegaio, faccendiere, maneggione), il contadino (bifolco, zotico, burino, cafone…), il giornalista (pennivendolo, scribacchino, velinaro), l’impiegato (travet, burocrate, portaborse), il medico (cavasangue, macellaio), il politico (tangentaro, politicante), il poliziotto (sbirro, piedipiatti), il prete (corvo, pretucolo), la prostituta (zoccola, mignotta), l’usuraio (strozzino, cravattaro).
In sintesi, vengono più bersagliate le persone che esercitano male il loro potere (politici, usurai, commercianti), o che fanno male il loro lavoro, soprattutto se è una professione importante e delicata (giornalisti, medici, avvocati). Per questo ho classificato questi epiteti come l’effetto di una delusione.
Discorso a parte merita il disoccupato, che è – insieme al contadino – il più disprezzato: perché risulta essere un parassita che campa alle spalle di tutti gli altri che lavorano. Insomma, un cattivo esempio da mettere al bando: meglio avere un lavoro, anche schifoso, piuttosto che nulla.

Libro contro gli stereotipi: racconta la storia di un agente, Elio Carminati.

Ma alcune attività sono disprezzate in quanto tali. Il contadino, ad esempio, da secoli ispira la più ampia categoria di insulti lavorativi: tanto che ormai cafone, villano, bifolco non indicano più gli agricoltori, ma sono sinonimo di persona ignorante, maleducata, rozza.
Il motivo? Puro e semplice classismo: quando si sono formate le città, nel Medioevo, i benestanti che vivevano nei primi agglomerati urbani guardavano con disprezzo quanti facevano il duro lavoro di zappare la terra. Li consideravano inferiori.
Ma altri mestieri sono disprezzati in quanto tali non solo perché sono umili, ma anche per moralismo e paura. Il caso più emblematico è quello della prostituzione: un lavoro tanto disprezzato ma al tempo stesso molto richiesto. In un certo senso, un male necessario, di cui non si vuole ammettere l’importanza, negandogli ogni dignità. (Anche se poi, nel disprezzo verso le prostitute, entrano in gioco altri fattori, culturali e sessuali, di cui non mi occupo in questo articolo).
E lo stesso tipo di disprezzo ansioso e pauroso si registra anche per i necrofori, che si occupano dei morti. Insomma, quando si tratta di cose delicate, degli aspetti più bui della nostra vita, preferiamo offendere. E voltarci da un’altra parte.

vito tartamella

vito tartamella

5 Comments

  1. Buona giornata! Nell’indagine mancano gli psicologi/psichiatri, che sono molto bersagliati, lo diceva già Freud: dallo strizza cervelli al curamatti… buona ricerca!!! E grazie per le documentazioni sempre molto accurate su un tema così poco conosciuto!!!

    • L’espressione “strizza cervelli” ha più una connotazione scherzosa/affettuosa che spregiativa. Ma dato che la sfumatura spregiativa può esserci, l’ho aggiunta alla lista. Grazie della segnalazione

  2. Hai tralasciato completamente il mondo dell’edilizia, con appellativi come “palazzinaro” e “manovale”, mica tanto leggeri…inoltre segnalo che hai dimenticato “cassamortaro” tra gli epiteti dei necrofori

    • Mica facile compilare una lista di tutti gli epiteti lavorativi, caro Alessandro! Per questo le segnalazioni come la tua sono benvenute.
      Entrando nel merito: “palazzinaro” lo inserisco, mentre “manovale” di per sè non ha una sfumatura spregiativa. Ce l’ha “manovalanza”, che inserisco in lista. Quanto a “cassamortaro”: non l’ho trovato in alcuno dei dizionari che ho consultato, quindi non mi pare il caso di inserirlo in lista. Deduco sia un termine dialettale (romanesco?): anche vespillone lo è, ma l’ho inserito in lista perché è censito dai dizionari di italiano. Grazie del tuo intervento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *