7

Le parolacce di Elio e le storie tese (e video-intervista a Rocco Tanica)

Elio e le storie tese: maestri di musica… e di turpiloquio (gentile concessione Hukapan).

Per un linguista, studiare le parolacce di Elio e le storie tese è come per un bambino entrare in un negozio di giocattoli: non uscirebbe maiMi sono sentito così nelle scorse settimane: le ho passate a studiare tutte le canzoni (164) che gli Elii hanno scritto in 37 anni di carriera, facendo il primo censimento ragionato delle loro volgarità. Passare in rassegna il loro turpiloquio mi ha fatto entrare nei gangli del loro mondo artistico, popolato di personaggi fantastici (l’orsetto ricchione, Supergiovane,  Shpalman), piccoli trattati sociologici (“Fossi figo”, “La follia della donna”, “Licantropo vegano”) e psicologici (“Cara ti amo” e “Servi della gleba”), parodie (“Burattino senza fichi”, “Pensiero stupesce”, “La bella canzone di una volta”)…
Un mondo raccontato con un caleidoscopio di invenzioni linguistiche: neologismi (craccracriccrecr, namalagamba, olfare, fenderi), arcaismi (ignudi, energumeni, capinere), termini scientifici (anellide, meato, benzodiazepine), forestierismi (inglese, ma anche bulgaro, turco e singalese), espressioni gergali (paciugo, uollano)…

E parolacce, tante parolacce. Ne ho contate 55 diverse, che ricorrono 224 volte (nel calcolo ho inserito anche quella contenuta nell’ultimo album “Arrivedorci“). Credo che nessun artista abbia saccheggiato il dizionario scurrile con tanta padronanza e fantasia, attingendo da espressioni colloquiali, gergo giovanile, dialetti (dal milanese al siciliano). E reinventandoli con nuove storpiature. Eppure, nessuna di queste parolacce è buttata lì solo per fare scandalo: anzi, ha un ruolo preciso nella narrazione delle loro storie.
Ripercorrere le loro volgarità è il modo migliore per celebrare (ahinoi) il loro scioglimento: piegandosi dal ridere. Tanto più che ho avuto il privilegio di approfondirle direttamente con uno degli autori: Rocco Tanica. Abbiamo passato un pomeriggio a parlare del lato scurrile degli Elii: condivido una parte di questo frizzante incontro nella videointervista che trovate qui sotto. Una delle più divertenti che mi sia capitato di fare. Grazie Rocco!!

Le scurrilità degli Elii: come e perché  le hanno usate

Rocco Tanica (gentile concessione Hukapan).

Come ha confermato anche Rocco (tastierista della band e coautore di molti celebri brani), nessuna di queste volgarità è usata in modo sciatto, messa lì solo per fare audience. «La parolaccia fine a se stessa non fa ridere» conferma Rocco. «Se l’intenzione è sviluppare una canzone che possa durare nel tempo, deve parlare di qualcosa: se hai una storia da raccontare, allora la parolaccia ha un senso perché può essere usata come un fregio, un merletto. In generale, non abbiamo mai scritto canzoni con volgarità gratuite, tranne “La ditta”, un brano in cui la parolaccia è fine a se stessa (una strofa: “Mangio merda di cane, frammista alla merda di alcune puttane”). In genere, comunque, stiamo stati attenti a dosare le scurrilità. Anzi, nei nostri primi dischi ci siamo preoccupati di realizzare versioni “blippate” delle nostre canzoni, ovvero ripulite dalle parolacce. Ma è stata una preoccupazione inutile: la verità è che le radio, tranne rare eccezioni, non hanno mai trasmesso nostre canzoni».
Le parolacce degli Elii sono come i colori per un pittore, o gli stili per un musicista: servono a rendere ricco e variopinto il loro racconto, un crogiolo di citazioni culturali e musicali, figlio della loro insaziabile curiosità. E portano una ventata di spensierata goliardia nei loro racconti. Servono a rendere comici i loro testi, ma anche a esprimere un ventaglio di emozioni (oscenità, rabbia, provocazione…).
E, in più, l’incisività dei suoni di alcune parolacce riesce ad arricchire l’efficacia dei testi. Come il finale di “Parco Sempione”: “Se ne sono battuti il cazzo, ora tirano su un palazzo, han distrutto il bosco di Gioia, questi grandissimi figli di troia”. «Effettivamente queste espressioni suonano robuste, come un buon vino rosso persistente al palato» commenta Rocco. «Questo brano è particolarmente riuscito, anche perché si sposa bene con la musica creata dai miei compagni. Ogni volta che l’ascolto mi emoziona».
Insomma, se volessimo riassumere in una sola immagine la complessa anima degli Elii, basta pensare a un  loro celebre personaggio, Supergiovane (che descrivo più sotto): gli Elii sono un gruppo di liceali con la voglia di imparare, di osservare il mondo e divertirsi, prendendosi gioco del “sistema”. Raccontando in musica le loro emozioni, in modo diretto ma al tempo stesso rielaborato con uno sguardo irridente.
Per studiare tutta la loro produzione ci vorrebbero interi studi accademici (e anch’io mi sono dovuto dilungare per raccontarla).
Dunque, parolacce tutt’altro che banali: al servizio di un’arte “alta”, di un intrattenimento intellettuale giocato sulle corde dell’ironia e dell’autoironia: i primi a non prendersi sul serio sono proprio loro. E questo gli dà la libertà di parlare di tutto senza filtri.

Ora lascio spazio alla divertente intervista esclusiva con Rocco Tanica, che racconta molti retroscena del gruppo e delle canzoni. L’analisi linguistica riprende dopo il video…

I dati: 55 volgarità per 224 volte

Partiamo dai dati. Forse vi sorprenderà sapere che non sono loro gli autori della canzone con più parolacce della storia musicale italiana: i lettori di Parolacce già lo sanno, perché in un mio precedente articolo avevo assegnato la palma a Fabri Fibra, sebbene gli Elii siano nella Top Ten, al 5° posto. Ma il loro record è un altro, ed è probabilmente insuperabile: sono gli artisti che hanno usato la più ampia tavolozza di volgarità: ne ho censite 55 diverse, citate in tutto per 224 volte, più 6 eufemismi. In media, 1,3 parolacce a canzone. Mantenere una media del genere in quasi 40 anni non è da tutti. E lo hanno fatto in modo costante, anche se il loro picco è stato negli anni ‘90. Nell’infografica qui sotto (clic per ingrandire, foto Hukapan), trovate un quadro riassuntivo sulle volgarità degli Elii.

Il turpiloquio usato dagli Elii è molto ricco: nel box a scomparsa trovate tutti i dettagli.

[ clicca sul + per aprire il riquadro ]

LE PAROLACCE DEGLI ELII

Parolacce per tipo:

area oscena 96
insulti 59
area escrementizia 41
gergo 14
maledizioni 8
imprecazioni 5
TOTALE 223

Tutte le parolacce usate dagli Elii (i colori indicano la classificazione per tipo, vedi tabella sopra):

Cazzo/cass 23
Merda 21
Culo 15
Cagare 14
balle/palle/ball 11
Figa 9
Stronzo 9
Coglioni/cojoni 9
puttana 9
Casino 8
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo 7
sborra/sburra/sburrare 6
Figo 5
inculare 5
Bastardo 5
Pirla 4
Troia 4
Cacca 4
ricchione 4
Tette 3
Tamarro 3
Porco 3
Chiavare 3
Busone 2
Finocchio 2
Patonza 2
Deficiente 2
Buliccio 2
Mortacci 2
scopare 2
Porca troia 2
Ceppa 1
Picio 1
Sfaccimme 1
Fesso 1
Maroni 1
Rompicoglioni 1
Cagacazzo 1
Sfigato 1
fottio 1
Grullo 1
Scorreggia 1
Fregna 1
Pippa 1
Bocchino 1
Mona 1
Cristo 1
negro 1
caghineris 1
iarruso 1
buco 1
puppo 1
cesso 1
Porco Giuda 1
Porca l’oca 1
Totale complessivo 224

Eufemismi

Vaffancuore 2
Pistulino 1
Porco dito/porco dighel/zio cantante 3
Totale 6

  

L’esame dei dati nel box qui sopra permette di fare alcune interessanti considerazioni:

  1. Le parolacce degli Elii suddivise per tipologia (clic per ingrandire).

    gli Elii hanno una grandissima tavolozza linguistica: nessun artista aveva inserito nei testi delle canzoni così tante diverse parolacce. Modi di dire colloquiali, ma anche dialettali (milanese, ma anche napoletano, bolognese, romanesco, toscano, veneto, siciliano, sardo…), espressioni del gergo giovanile (tema su cui torneremo), ed espressioni inventate o storpiate come “li immortacci” o “pistulino”.  

  2. se si confrontano queste frequenze d’uso con la statistica delle volgarità più pronunciate dagli italiani (di cui avevo parlato in questo articolo), emerge subito un dato: gli Elii sono nella media italiana per quanto riguarda l’uso di cazzo, stronzo, culo, balle, coglioni; fanno un uso più alto della media delle parole merda, culo, cagare, figa, sborra, inculare e degli insulti omofobi (ricchione, busone, finocchio); fanno un uso più basso della media di scopare e chiavare; non usano insulti etnici (terrone è assente, negro appare una sola volta) e imprecazioni religiose (Cristo appare una sola volta).
  3. gli Elii non hanno paura di usare espressioni forti (figa, bocchino, sburra), ma – come vedremo – lo fanno con giocosità, ironia e leggerezza. Le loro provocazioni non sono becere e fini a se stesse, ma al servizio dei contenuti che vogliono esprimere.

I contenuti delle canzoni

Già, ma quali sono questi contenuti? Nella loro lunga carriera hanno affrontato tanti temi, che possono essere riassunti in questi 4 filoni principali:

I 4 FILONI

Luca Mangoni nei panni di Supergiovane (Hukapan).

1) IL MONDO GIOVANILE: gli Elii sono particolarmente legati al mondo della loro infanzia, e ancor più dell’adolescenza. D’altronde, non a caso sono dei gran giocherelloni, oltre che giocolieri: così hanno dipinto in modo tragicomico le feste dei teen-ager (“Tapparella”), i loro discorsi (“Adolescenti a colloquio”), l’oratorio (“Oratorium”). E soprattutto ne hanno riprodotto il gergo, sia in modo fedele che storpiandolo per renderlo ancora più comico: come avviene in “T.V.U.M.D.B.”
La personificazione di questa passione è un eroe inventato di sana pianta: Supergiovane, emblema dell’allegria e della spensierata gioia di vivere adolescente. E’ un ribelle, detesta il governo, i matusa e i secchioni, e li combatte a suon di miccette, raudi, bombette puzzolenti, gavettoni. E soprattutto a suon di parolacce: figu, puttano, paciugo, figa, figa pelosa, figlio di puttana, porco dighel…”. Il testo di questa canzone è di una comicità irresistibile. E, non a caso, è il più ricco di parolacce di tutta la carriera artistica degli Elii.

2) HUMOR ESCREMENTIZIO: come già detto sopra, l’humor escrementizio è uno degli assi portanti della poetica degli Elii. La merda, e i concetti correlati (cacca, cagare, cesso, etc) ricorrono spesso: c’è un intero brano, “Cani e padroni di cani” dedicato a una spiacevole situazione: “ho appena pestato una merda di cane, che ora è un tutt’uno con le righine delle suole delle mie scarpe sportive nuove” (che poi vengono ripulite col bastoncino di un ghiacciolo). Anzi, la cacca ha ispirato un altro supereroe creato dagli Elii: Shpalman, il supereroe che “shpalma la merda in faccia” ai cattivi. “Ad ogni farabutto tinge il viso color maròn, poi lo asciuga col phon”. Come spiegano gli Elii, “In una società di vincenti in cui la faccia di merda è necessaria per emergere, un eroe che spalma la merda in faccia sembrerebbe inutile. Invece Shpalman piace per quei suoi modi un po’ spicci”.

3) INDIGNAZIONE POLITICA, senso civico tradito: quando l’indignazione raggiunge il livello di guardia, gli insulti sono inevitabili e se sono espressi in forma articolata danno vita alle invettive. Anche gli Elii ne hanno fatte, ma il loro impegno sociale non è fra gli aspetti dominanti della loro arte. Il caso più clamoroso è “Sabbiature” in cui denunciano vari scandali italiani facendo nomi e cognomi (furono interrotti in diretta tv al concerto del 1° maggio 1991): “E gli unici sfigati che non sono stati archiviati sono stati Gui e Tanassi per il caso della Lockheed”.  Ma l’invettiva più efficace è nel finale di “Parco Sempione”, dove si racconta la vicenda del Bosco di Gioia, un’area verde di Milano cancellata per far posto al nuovo grattacielo della Regione nonostante la massiccia protesta degli abitanti del quartiere. Alla protesta aderì anche Rocco Tanica che fece un digiuno, ma le ruspe cancellarono il bosco durante il ponte di Capodanno 2005. Ecco come i fatti vengono raccontati nella canzone: “Sedicimila firme, niente cibo per Rocco Tanica ma quel bosco l’hanno rasato mentre la gente era via per il ponte. Se ne sono battuti il cazzo, ora tirano su un palazzo… han distrutto il bosco di Gioia questi grandissimi figli di troia!”.

4) SATIRA SOCIALE: molti brani prendono posizione su temi attuali, dall’alcolismo come forma di autodistruzione (“Alcol snaturato”: “Bevi, bevi, bevi E ti credi un grande figo … Voglio andare a danneggiarmi Tutti gli organi del corpo Tracannando come un porco Non ci vuole molto a deturpare questo giovane organismo Basta bere Ho deciso, mi alcolizzo! È una figata!”) alle leggende metropolitane (“Mio cuggino”), al bullismo (“Il mistero dei bulli”: “il bullo è il figlio del tamarro che picchiava pure me”). Senza contare tutti i testi dedicati ai rapporti di coppia, visti con occhio satirico e impietoso. Gli Elii, insomma, guardano il mondo con occhio critico e curioso. Con una particolare attenzione verso i microcosmo di Milano, la loro città, popolata da modaioli inconsistenti, gente che si dà un tono con l’inglese, i rapporti sociali improntati alla convenienza, etc etc. 

Le parolacce nell’approccio artistico

Per capire l’arte degli Elii, non basta identificare i loro contenuti. Questi temi, infatti, sono stati sviluppati con un approccio artistico particolare, che si può riassumere in questi 5 punti:

1) COMICITA’: Elio e le storie tese nascono come gruppo goliardico, parodistico, cabarettistico. Tanto che fra i loro riferimenti ci sono gruppi comici come gli Squallor e gli Skiantos. Gli Elii suonano per divertirsi e per divertire, e l’uso delle parolacce (come raccontavo qui) è un modo efficace di far ridere perché sono trasgressive, portano una ventata di libertà giocosa. Basti ricordare “Risate a denti stretti”, una sequenza di barzellette e di battute in musica,  o “Burattino senza fichi”, un Pinocchio che vorrebbe un organo sessuale, e Geppetto glielo costruisce facendolo diventare “un ceppo con la ceppa”.

2) SINCERITA’: da tutte le loro canzoni traspare l’insofferenza verso i mistificatori, verso chi usa un linguaggio oscuro, affettato, modaiolo (come quelli che chiamano gli occhiali “eye wear” e le riunioni “briefing”). Insomma gli Elii odiano gli “stronzi che si inculano tutti con parole incomprensibili”  come cantano in “Parla come mangi”. Come raccontavo qui, le parolacce infatti sono il linguaggio della sincerità. E’ proprio grazie a questa sincerità che il loro uso di parolacce, gergo e modi di dire ha una naturalezza rara e irresistibile. E instaura subito un’atmosfera di intimità e di complicità con gli ascoltatori. Come questa strofa di “Baffo Natale“, che ironizza sulla frenesia degli acquisti di Natale: “Ventiquattro sera diciannove e ventinove negoziante, stai chiudendo. Mi accontento di qualunque puttanata una maniglia colorata, un portaspilli, un portafogli, un portafogli, una cagata, qualcosa”. 

3) DISSACRAZIONE E ABBASSAMENTO: come molti comici, da Rabelais a Benigni, gli Elii usano le parolacce per far scendere dal piedistallo le persone tronfie, e per riportare le discussioni su temi anche impegnati (la vita, la morte, l’amore) a un livello terra-terra. E così l’amore diventa uno scontro di istinti e opposte visioni (“Mettiamola sull’affetto… chiaviamo”, cantano in “Cara ti amo”), il misticismo è la visione ravvicinata della vulva (“La visione”), l’essere alla moda è solo il tentativo di “essere fighi e avere tante fighe” (“Fossi figo”).
E cosa c’è di più dissacrante che ricondurre tutta la nostra vita mentale e sociale alle funzioni fisiologiche? Ecco perché, com’è tradizione nella letteratura grottesca, gli Elii fanno tanti riferimenti al corpo: hanno dedicato canzoni alle mestruazioni (“Essere donna oggi”, in cui gli assorbenti sono “tappi per la figa pelosa”), alle sostanze secrete dal nostro corpo (“Silos”), agli organi del corpo (“Il congresso delle parti molli”), capitanati dal “buco del membro”.
L’operazione di abbassamento viene giocata dagli Elii anche in senso contrario: innalzando (cioè dando dignità artistica a) gli aspetti più piccoli e apparentemente insignificanti della vita, come “Gli uomini col borsello” o la gola, coi suoi piaceri e i suoi dolori (“Gargaroz”).

Gli Elii in versione obesi (Hukapan).

4) SENSO DI SFIDA, GUSTO DELLA PROVOCAZIONE E SPERIMENTAZIONE: molte canzoni affrontano temi spinosi, e nascono per il gusto di tentare l’impossibile. Innanzitutto con se stessi. Per esprimere il loro virtuosismo, per tentare strade nuove, per vedere l’effetto che fa. Hanno dedicato canzoni all’aborto (“Gomito a gomito con l’aborto”), all’abbandono di neonati nei cassonetti (“Cassonetto differenziato per il frutto del peccato”). All’omosessualità, descritta nel pezzo omonimo con queste strofe: “Vivo come voi, soffro come voi, rido come voi, lo prendo in culo come voi. Ma amo più di voi”. E in “La follia della donna”, si parla di “un cartello di ricchioni che ha deciso che l’anno scorso andava il rosso E quest’anno il blé”. Eppure, nonostante l’apparente omofobia e misoginia dei loro testi non hanno sollevato ondate di protesta: sono fra i pochi (con Checco Zalone) che possono permettersi di essere politicamente scorretti senza fare più di tanto scandalo.
Del resto, tutta la loro carriera è costellata di sfide: giusto per fare un esempio, hanno suonato per 12 ore la canzone “Ti amo” con infinite variazioni, finendo nel Guinness dei primati.

5) CREATIVITA’: il vero tabù degli Elii è essere banali, perché sono dotati di uno spiccato senso critico. E quindi non solo rimescolano le carte per sperimentare frontiere inesplorate, ma creano dal nulla. Anche dal punto di vista linguistico: il finale di “Supergiovane” è un capolavoro di creatività linguistica: “Siamo forse secchioni? No. Siamo forse matusa? No. Siamo forse governi? No. Siamo forse checchineris [storpiatura di caghineris, frocio in sardo]? No. Siamo forse bulicci [froci  in genovese]? Iarrusi [froci in siciliano]? Buhi [froci in toscano]? Puppi [froci in siciliano]? Posapiano? Orecchioni [storpiatura di ricchioni]?… e così via.

SLALOM LINGUISTICI

Gli Elii in concerto: sono fra i migliori musicisti d’Italia (Hukapan).

Come ha raccontato Rocco nell’intervista, in diversi brani gli Elii si sono impegnati a dribblare le parolacce. «Ci diverte l’uso copioso della parolaccia, ma anche lo slalom per rimanerne distanti, in modo che, in certe canzoni, passasse il messaggio, ovvero il contenuto principale della canzone». Un principio che si è rivelato efficace proprio nell’affrontare gli argomenti più delicati. Infatti, alcuni temi che in teoria si prestavano a un alto uso di scurrilità sono stati giocati (per sorprendere, e per non scadere nella trivialità becera) con un linguaggio pulito: basti pensare alla canzone dedicata al porno attore superdotato John Holmes, che ha strofe come “soffrivo le pene per colpa del pene” o “il pene mi dà il pane”.
Il testo con più slalom linguistici è “Piattaforma”, dedicato a un tema spinoso e tabù: l’incesto. La canzone è densa di allusioni e la più indiretta è: “Fremo a immaginarti fra i cateti” (ovvero con un angolo di 90°). L’uso di perifrasi, tra l’altro, rende più efficaci alcune battute, che diventano una sorta di enigma che l’ascoltatore deve risolvere: come gli escrementi, definiti “un dirigibile marrone senza elica e timone dentro me” o i peti, descritti così: “Seduto nella vasca, emetto certe bolle che, salendo a galla, corron sulla schiena fandomi felice; giunte in superficie non mi piaccion più…” (ambo i versi sono tratti da “Nubi di ieri sul nostro domani odierno”).
Fra gli eufemismi, invece, nelle canzoni spiccano i sostituti delle bestemmie (Porco dito/porco dighel/zio cantante) che hanno un notevole effetto comico in “Supergiovane“.
E poi, sempre in questa linea, spiccano i numerosi sostituti per i termini sessuali che appaiono in diverse canzoni, con notevole inventiva linguistica: l’organo maschile è chiamato pennarone, maccherone, pippero, peperone, poparuolo, tubatura; lo sperma è chiamato paraflu, pasta del capitano, e così via. 
«I termini più originali arrivano soprattutto da Faso» svela Rocco «sono il gergo che usava al liceo milanese che frequentava da ragazzo (il liceo scientifico Cremona, ndr)». Un gergo con un uso circoscritto, che grazie alle canzoni è diventato patrimonio nazionale.

Per concludere, ripropongo un vecchio brano degli Elii che è la sigla ideale: “Unanimi“. La canzone dice: “Siamo Elio e le Storie Tese, pronunciamo tante parolacce…Siamo al centro delle vostre attese, Siam gli alfieri dell’impero Sbor… Siam d’accordo pressoché su tutto ma talvolta divergiamo, per esempio sulle parolacce ognun dice quella che gli va“. Ecco la canzone:

Infine, per i maniaci che vogliano rileggere le oltre 200 strofe degli Elii con le volgarità: basta cliccare sul box qui sotto e le trovate tutte. Ma proprio tutte.

[ clicca sul + per aprire il riquadro ]

TUTTE LE PAROLACCE, STROFA PER STROFA

Nota: in questa tabella i colori hanno solo uno scopo estetico. La fonte di tutti i testi è il sito ufficiale degli Elii: http://elioelestorietese.it/canzoni/

Parolaccia canzone strofa
balle/palle/ball Cara ti amo E allora in posizione canonica io sopra tu sotto.
“Che palle!”.
balle/palle/ball Complesso del primo maggio Devono capire che hanno rotto le palle i padroni,
balle/palle/ball Fossi figo Io, per piacervi, mi epilerei per tutto il santo giorno
Come le balle di un attore porno
balle/palle/ball Heavy samba alla lunga rompe le balle
balle/palle/ball Il primo giorno di scuola Lo conosco dall’asilo e mi sta sulle balle
balle/palle/ball La canzone mononota Jobim non ha avuto le palle di perseguire un obiettivo
balle/palle/ball La saga di Addolorato cosa rompi le balle?”.
balle/palle/ball Lampo Fanne un’altra ma in fretta, mi son rotto i coglioni, le balle
balle/palle/ball Lampo mi son rotto le balle
balle/palle/ball Parco Sempione Oeh che du bal
balle/palle/ball Supermassiccio Non dico balle, è tutto vero!
Bastardo Alfieri Siamo una banda di bastardi
al soldo dell’uomo del Giappone.
Bastardo Ballate bastardi BALLATE BASTARDI!!!
Bastardo Il mistero dei bulli anche gli alani ed i bastardi
Bastardo La saga di Addolorato perché sono dei bastardi.
Bastardo Supergiovane Assassini! No!!! Governo bastardo!!!”
Bocchino La visione  Lei mi fa un bocchì, lei mi fa un bocchì;
lei mi fa un bocchino di sigaretta con il legno;
buco Supergiovane [siamo forse] buhi?
buliccio Supergiovane [siamo forse] bulicci?
buliccio Lo stato A, lo stato B Lo stato B si ha quando quel ragazzo
è molto ciccio, ma spiccio: possibile buliccio.
Busone Il quinto ripensamento Il rapporto amoroso, sia eterosessuale che busone maschile che busone femminile
Busone Il vitello dai piedi di balsa (reprise) questa mia condizione di vitello busone
Cacca Cani e padroni di cani  vedi una cacca molto grossa, forse è cacca di immigrato senza permesso di soggiorno.
Cacca Cateto cacca dalla faccia. (…) Cacca più amore
operano più miracoli
Cacca Complesso del primo maggio  vi facciamo appartamento e cacca sul letto
Cacca Silos Diciam che la cacca fa schifo, (…) le cacche delle ciglia,
Cagacazzo Il tutor di Nerone Proprio non me lo aspettavo di incontrare un cagacazzo come te
Cagare Abbecedario  i laminati che io rappresento mi fanno cagare.
Cagare Baffo Natale  un portafigli, una cagata, qualcosa
Cagare Burattino senza fichi Mangiafuoco me lo cago poco,
volpe e gatto li ricatto.
Cagare Cara ti amo Mi drogo, bestemmio, picchio i bambini
e specialmente non ti cago.(…) Mi faccio invece il culo 14 ore di seguito
per mantenerti e ti cago.
Cagare Carro E siccome chi rompe caga e i cocci sono suoi (…) la donna volante caga coi suoi buoi.
Cagare Cartoni animati giapponesi cago molta sburra giapponese,
Cagare Cavo lei non lo caga proprio diciamo
Cagare Essere donna oggi Essere donna oggi,
non più cagafigli, bensì dolce
e caparbia cagatrice dei tuoi figli.
Cagare Ignudi fra i nudisti Non dir cagate, “Mi entra la sabbia”, Quante cagate
Cagare Il vitello dai piedi di balsa Ehi tipo, cagaci, dov`è?
Cagare Inquisizione basta dire due cagate per la strada
Cagare Parco Sempione Fai cagare, questa è la verità.
Cagare Risate a denti stretti “Dottore, mangio pasta e cago pasta;,
mangio ravioli e cago ravioli”.
Cagare Supergiovane e fa cagare addosso i matusa e il governo.
caghineris Supergiovane siamo forse checchineris?
Casino abate cruento stai sognando di essere sdraiato accanto a lui che ti esamina, insomma un casino.
Casino Come gli Area se l’avessero scritto proprio gli Area
sarebbe un casino
Casino Come gli Area sarebbe un casino
Casino La saga di Addolorato con Lino, Mino, Nino, Pino, Rino e Tino
si divertono un casino
Casino Litfiba tornate insieme Di avere un casino in famiglia:
Casino Servi della gleba poi ha preso un casino di sole, si è bruc…”
Casino Tapparella sai chi ti saluta un casino?
“Chi?”
“STO CAZZO!!!”
Casino Tapparella “Sai chi ti saluta un casino?”
Cazzo/cass Bis Dài, facciamo ‘sto cazzo di bis, bis./Bis, bis. Ma quale cazzo di cazzo di bis, bis.
Oh cazzo cazzo cazzo cazzo il bis:
questo cazzo di cazzo di cazzo di un cazzo di cazzo.
C. Z. Cazzo.
Cazzo/cass Burattino senza fichi Soffro tanto senza pistulino,
godrei molto con un cazzo.
Cazzo/cass Cara ti amo mio cugino me l’ha fatto vedere…”
Il pene? “No, no il cazzo.”
Cazzo/cass Che felicità Testa de cazzo.
Cazzo/cass Come gli Area il pubblico fascista non ha mai capito un cazzo di musica
Cazzo/cass El Pube il pueblo unido lo estrae dal suo aliante del cazzo,
Cazzo/cass Essere donna oggi ti getti in volo e vai – ‘zo vuoi? (…) verso il mare del duemila
al grido di “Cazzo, subito!”.
Cazzo/cass Gli occhi del cuore fatti un po’ a cazzo di cane
Cazzo/cass Heavy samba Oh cazzo, cazzo, cazzo, cazzo, cazzo, cazzo
Cazzo/cass Help me Hanno detto c’è un guasto banale, -banale sto cazzo!-
Cazzo/cass Ignudi fra i nudisti Ah in montagna ci si rompe il cazzo
Cazzo/cass Il congresso delle parti molli Incarna le peculiarità tipiche del testa di cazzo.
Cazzo/cass La saga di Addolorato si blocca lì, non arriva un cazzo. (…) è un incapace e non sa fare un cazzo! (…) ma in realtà non fa un cazzo.
Cazzo/cass Lampo Sai che mi hai davvero rotto il cazzo con le tue fotografie?
Cazzo/cass Nubi di ieri sul nostro domani odierno (Abitudinario) E adesso un lieto ritornello
che non c’entra un cazzo,
ma che piace ai giovani:
Cazzo/cass Pagàno  cazzo di Marte.
Cazzo/cass Palla medica Ecche ccazzo non è solo tua la palla, uhee.
Cazzo/cass Parco Sempione Ha deciso che, cazzo,
Proprio oggi niente lo fermerà. (…) Forse? Forse un bel cazzo. (…) Se ne sono battuti il cazzo, ora tirano su un palazzo.
Cazzo/cass Servi della gleba “Hai la faccia di legno, dove cazzo eri finito?”
Cazzo/cass Tapparella “Chi?”
“STO CAZZO!!!”
Cazzo/cass Zelig – La Cunesiùn Del Pulpacc “OK…”
“Cazzo dici?”
“Aspetta!” (…) Indess che sun vecc, ghe fü pü un cass
(vun cass!)
Cazzo/cass Uomini col borsello che no ti capissi un casso etc…
Cazzo/cass Il circo discutibile la perfezione è un falso e rende pazzi
e questo invece è il circo di ‘sticazzi
Ceppa Burattino senza fichi Sono ceppo con la ceppa,
grazie a Geppo mio papà.
Cesso Banane giganti sei troppo un cesso
Chiavare Cara ti amo Mettiamola sull’affetto. “Chiaviamo”.
Chiavare Heavy samba E pensare che ero venuto col semplice scopo Di farmi una bella chiavata con te!
Chiavare Nubi di ieri sul nostro domani odierno (Abitudinario) sto vent’anni in bagno, penso che si chiava, dopo non si chiava e non mi lavo più.
Coglioni/cojoni abate cruento il signor Bonaventura che,
col solito suo fare e il vestito da coglione
Coglioni/cojoni Bis Il Pipppero ci ha rotto i coglioni:
Coglioni/cojoni Cartoni animati giapponesi non stanno mica lì a grattarsi i coglioni)
Coglioni/cojoni Che felicità Me so’ rotto li cojoni de la vita,
Coglioni/cojoni Complesso del primo maggio La musica balcanica ci ha rotto i coglioni
è bella e tutto quanto
ma alla lunga rompe i coglioni
Coglioni/cojoni La visione Ma quante candele avrà consumato Mandela?
Perché uno è presidente non può essere stato in prigione?
Lo vedi sorridente e non ci pensi, coglione.
Sei proprio un coglione.
Coglioni/cojoni Lampo Fanne un’altra ma in fretta, mi son rotto i coglioni, le balle
Coglioni/cojoni Lampo mi son rotto i coglioni
Coglioni/cojoni Tapparella Sì va bé però poi balliamo.
“Non ci rompere i coglioni!”.
Cristo Tapparella chiedo Fonzi e mi danno avanzi. Cristo, perché?
Culo Adolescenti a colloquio. Improvvisamente tremoto “E attento che non ti esploda nel culo!”
Culo Alfieri Stasera ad esempio noi incassiamo
e voi ve la pigliate dentro al culo.
Culo Burattino senza fichi Poi mi metto il grillo in culo,
più ci penso e più mi viene voglia di…
Culo Cara ti amo Disse la vacca al mulo. “Oggi ti puzza il culo”. (…) Te lo metto nel culo? “Non so cosa voglia dire.”
Culo Carro Si è infilata nel buco del culo di Nembo Kid
Culo Catalogna infilami la catalogna nel culo
Culo Faro Ma vaffanculo, cu cu cu cu cu cu cu culo
Culo La ditta cui lesto il culo pulisco
Culo La saga di Addolorato a metterlo in culo a Addolorato
Culo Omosessualità rido come voi, lo prendo in culo come voi.
Culo Parco Sempione Te tiri ‘na pesciada in del cuu
Culo Servi della gleba Mi vuoi mettere una scopa in culo così ti ramazzo la stanza?”
Culo Tapparella Parapiglia: scatta il gioco della bottiglia.
Se avrò culo potrò
Culo Urna sedici, il culo – Il culo –
Culo Zelig – La Cunesiùn Del Pulpacc E i finöcc che se slarghen el cùl
Deficiente Alcol snaturato Adolescenti, deficienti, ubriaconi, yeah!
Deficiente Sabbiature il popolo italiano non è deficiente:
Fesso Supergiovane mi arriva il primo fesso
Figa Banane giganti Da quando ho capito che sei molto pheega
Figa Burattino senza fichi imperatore nel regno di mille fighe di legno.
Figa Essere donna oggi morbidi, teneri, fradici
tappi per la figa pelosa. (…) E da oggi i tuoi tappi per la figa pelosa
li trovi anche in confezione magnum
Figa Fossi figo Molti vorrebbero essere fighi e avere tante fighe. Molti altri vorrebbero essere fichi e avere tante fiche.
Figa Il ritmo della sala prove mentre il cantante grida a squarcia gola
ma raramente le più fighe si fa
Figa La visione la visione della figa.(..) no grazie non fumo ma ti lecco la fi.
Figa Pork e Cindy lei è un pò debilitata
perché ha la figa spanata.
Figa Risate a denti stretti Sapete come si chiama il playboy in pensione? Gustavo Lafiga.
Figa Supergiovane smarmittare, figa, figa pelosa,
Figo Alcol snaturato Bevi, bevi, bevi E ti credi un grande figo, Poi ti viene il mal di testa (…) Basta bere
Ho deciso, mi alcolizzo! È una figata!
Figo Fossi figo Fossi figo frequenterei il locale giusto
Fossi figo conoscerei la gente giusta
Fossi figo indosserei vestiti trendy
Figo Servi della gleba lei è felice perchè sta con uno figo -> anche lui è felice
Figo Supergiovane figu, Oklaoma, sigarette,
Figo Gomito a gomito con l’aborto Aborto, il piu’ fico, aborto!
Finocchio Cara ti amo Mai ti toccherei neanche con un fiore.
“Finocchio”.
Finocchio Zelig – La Cunesiùn Del Pulpacc E i finöcc che se slarghen el cùl
fottio Il vitello dai piedi di balsa Nel boschetto della mia fantasia
c’è un fottio di animaletti un po’ matti (…) in pratica mi fanno ridere sempre,
quel fottio di animaletti inventati da me.
Fregna Bis C’è Paolone che pensa alla fregna,
Grullo Litfiba tornate insieme un fate i grulli.
iarruso Supergiovane [siamo forse] iarrusi?
inculare abate cruento Mi addormento rinfrancata mentre inculo mio marito.
inculare Il vitello dai piedi di balsa come avrai intuito adesso ti inculo”.
inculare Parla come mangi che si incula tutti con parole incomprensibili
inculare Shpalman voleva incularmi la Vespa (…) voleva incularmi la catenina
inculare Gomito a gomito con l’aborto A raccontargli i miei segreti me lo inculerei
Maroni Oratorium romperà i maroni,
Merda Abbecedario era una merda, però io
Merda Adolescenti a colloquio. Improvvisamente tremoto “Sì ascoltiamo, senti che merda!”
Merda Ballate bastardi Merdoni ballate!
Merda Cani e padroni di cani ho appena pestato una merda di cane (…) Bastoncino che utilizzo per rimuovere la merda dalla scarpa (…) Quante speranze finite nella merda (…) Le mie scarpe sportive sono tutte smerdate E adesso voi me le ricomperate
Merda Cara ti amo Applaudite, merde!
Merda Cateto De Luca mangia la merda
Merda Cavo  vado in merda se mi si dissalda il cavo.
Merda Complesso del primo maggio insistentemente a suonare questa musica di merda
Merda Ho molta paura Hai una voce di merda
come quella che canti,
come sei un uomo di merda, (…) come sei tutto,
sei un uomo di merda!
Merda Ho molta paura Hai una voce di merda
come quella che canti,
come sei un uomo di merda, (…) come sei tutto,
sei un uomo di merda!
Merda Il rock and roll La techno è una merda,
Merda La ditta Mangio merda di cane frammista alla merda (…) Vedo già Faso con Rocco
che della mia merda divorano un tocco,
sento Cesareo che suona
evidentemente la merda era buona. (…) una ditta
che acquista la merda dal gruppo prodotta,(…) divoran la merda con bocche capaci. (…) evviva la merda, evviva la ditta.
Ora la strada è diritta,
mangiamo la merda e brindiamo alla ditta.
Merda La follia della donna Scarpe di merda da donna
Che costano milioni all’’uomo.
Merda La vendetta del fantasma Formaggino scivolai su qualcosa che mi sembrava un pezzo di merda ma che merda non era.
Merda Lampo col tuo tablet di merda Non ti arrendi mai.
Merda L’eterna lotta fra il bene e il male “Hai una voce di merda,
come quella che canti, – very good, very good –
come sei un uomo di merda,
Merda Pagàno Merda, ho detto cazzo di Marte.
Merda Parco Sempione Bonghi: questo fatto mi turba perché suona di merda,(..)
Merda Pensiero stupesce intensità e faccia di merda
Merda Risate a denti stretti E il dottore: “Mangi merda”.
Merda Shpalman la maschera di merda te la fa solo Shpalman® (…) è arrivato Shpalman® che shpalma la merda in faccia
Mona Uomini col borsello c’è chi invidioso ti sussurra così “Bea mona”
Mortacci Che felicità Io sono… ‘tacci vo’… puuh!
Mortacci Li immortacci Ma quando viene sera, li immortacci (…) Semo li immortacci, semo li immortacci, gli altissimi morti: (…) mortacci, feretro, feretro, mortacci, retrofit.
negro Ameri (gli amori) ma dopo lo hanno ostacolato perché era un negro.”
Patonza Banane giganti che ultra patonza sei?
Patonza Tonza patonza Tonza patonza! Ti lecco la patonza!
Picio Burattino senza fichi Sono un pupo senza picio,
ma Geppetto non ci sta.
Pippa La visione la faccio scintillare, mi faccio una pippa,
Pirla Il tutor di Nerone Seneca non era mica un pirla:
Pirla Il tutor di Nerone Seneca non era mica un pirla:
Pirla Parla come mangi Ma va là, pirletta
Pirla Zelig – La Cunesiùn Del Pulpacc mi me sembren vüna massa de pirla,’dreé a applaudì, vün alter pirla.
Pirla Zelig – la cunesiùn del pulpacc mi me sembren vüna massa de pirla,
‘dreé a applaudì, vün alter pirla.
Pistulino Bacio pistulino allarme rosso.
Porca l’oca Lo stato A, lo stato B Porca l’oca, porca l’oca, porca l’oca, porca l’oca,
Porca troia Adolescenti a colloquio. Improvvisamente tremoto Porca troia!”
Porca troia Tenia (Maniac) porca troia non è ancora andata via!
Porco Alcol snaturato Voglio andare a danneggiarmi
Tutti gli organi del corpo
Tracannando come un porco
Porco Cara ti amo Vorrei palparti le tette.
“Porco”.
Porco Pork e Cindy Lui si chiama Pork
e guida una Ford gialla del ’56,
Porco dito/porco dighel/zio cantante Supergiovane  porco dighel…(..) esclama porco dito, (…) ZIO CANTANTE
Porco Giuda Ho molta paura Di più! Di più, ma di…
– What’s your name? –
Ma di più porco Giuda!
puppo Supergiovane [siamo forse] puppi?
puttana abate cruento  torno al vero sogno dove incontro una puttana. (…) “La puttana!”, io commento roteando il polpastrello.
puttana Cateto dall’odore che quella puttana sprigionava;
puttana La ditta di alcune puttane, (…) ne fabbrica cibo per cani e puttane.
Cani e puttane voraci
puttana Omosessualità Limonare con altri maschi,fare il puttano-oh
puttana Pork e Cindy ascoltatore distratto = figlio di puttana”.
puttana Risate a denti stretti E la puttana giapponese? Sudo Magodo.
puttana Baffo Natale  Mi accontento di qualunque puttanata una maniglia colorata
puttana Sogno o son desktop In questa notte estiva,
porca e un po’ puttana (…) Sostituirsi alle puttane per guadagnare.
puttana Supergiovane Figlio di puttana (…) puttano, paciugo, garelli,(…) figlio di puttana
ricchione Il vitello dai piedi di balsa Mi presento, son l’orsetto ricchione.
ricchione La follia della donna E pensare che tutto questo lo hanno deciso
I ricchioni.
C’è un cartello di ricchioni
ricchione Supergiovane Mi piace quel ragazzo. Perché?
Sto diventando forse ricchione?
ricchione Supergiovane [siamo forse] orecchioni?
Rompicoglioni Zelig – La Cunesiùn Del Pulpacc Oh sono arrivati dei rompicoglioni e ci hanno portato via tutto.
sborra/sburra/sburrare Alfieri Io abito fra Loreto e Turro
e quando son contento sburro.
sborra/sburra/sburrare Cartoni animati giapponesi cago molta sburra giapponese,
sborra/sburra/sburrare Cateto sburrata dagli animali
sborra/sburra/sburrare Servi della gleba Servi della gleba a tutta birra carichi di ettolitri di sburra;
sborra/sburra/sburrare Supergiovane Sburra, pizzette, giornali di donne nude.
sborra/sburra/sburrare Noi siamo i giovani con i blue jeans così possiamo sburrare
e ci viene l’orchite
scopare Cara ti amo Ti passo un cubetto di ghiaccio
intinto nella pancia sul Cointreau
dopodiché ti scopo bendata.
scopare Cinquecento  sono cinquantamila di bocca e centomila scopa 
Scorreggia Supergiovane con la moto a scurreggetta
Sfaccimme Servi della gleba come dei simbolici Big Jim: schiacci il tasto ed esce lo sfaccimme.(…) noi col nostro carico di sfaccio.
Sfigato Sabbiature E gli unici sfigati che non sono stati archiviati
Stronzo Amico uligano Quindi a tua volta metti via
quel coltellino dai, non fare lo stronzo.
Stronzo Cara ti amo Ridete stronzi!
Stronzo Che felicità Io vado a zonzo come ‘no stronzo.
Stronzo Fossi figo Il mio nome sarebbe sempre incluso nella lista
Non dico proprio il primo della lista
Ma neanche l’’ultimo degli stronzi
Stronzo Ho molta paura Brutto stronzo, m’hai rovinato un figlio con le tue sporche e luride canzoni.(…) Stronzo, tu e tutto il tuo complesso.
E firmati con il tuo nome, perché, hai paura di essere scoperto?
T’ho scoperto lo stesso. Stronzo!
Stronzo L’eterna lotta fra il bene e il male Pronto!” “Stronzo!” – very good, very good –
“Pronto?” “Stronzissimo!” – very bad, very bad – (…) Stronzo, tu e tutto il tuo complesso!” (…) Ricordati che Rigoletto dice
una gran bella frase:
stronzo!
Stronzo Parla come mangi devi divenire come quello stronzo
Stronzo Risate a denti stretti Tachete ti to tacc, stronzo.
Stronzo Servi della gleba Servi della gleba in una stanza anestetizzati da una stronza,
Tamarro Il mistero dei bulli il figlio del tamarro che picchiava pure me(…) tamarri del neolitico (…) tamarri paleolitici  (…) di gente più tamarra degli ittiti non ce n’è
Tamarro Oratorium al bar qualche giovane tamarro verrà,
Tamarro Shpalman Un tamarro dietro l’angolo
Tette Cara ti amo Vorrei palparti le tette.
Tette La donna nuda La donna nuda non indossa il criss cross:
io la vedo benissimo, ha le tette assai gross.
Tette Urna 77, tette tette: le gambe delle donne.
Troia Cara ti amo La pancia sul cointreau? “Non sono una troia”.
Troia Help me e poi non era neanche il tuo papà,
perché io faccio la troia !
Troia Parco Sempione questi grandissimi figli di Troia.
Troia Sogno o son desktop Strade affollate a mezzanotte,
tutti a troie.
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo Bacio e invece baci mo…ma vaffanculo!
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo Banane giganti Fanculo a te
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo Gargaroz La sua mamma è preoccupata
Perché dice parolacce e manda tutti a fancù
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo Bis E ora siamo di fronte ad un bivio:
o andare affanculo o suonarvi dei bis.
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo Faro Ma vaffanculo, cu cu cu cu cu cu cu culo
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo La visione guidatori funky, fanculo a tutti quanti. (…) li mando affanculo, gli mostro lo scroto.
Vaffanculo/Affanculo/Fanculo Palla medica Vaffanculo e passami la palla.
Vaffancuore Lo stato A, lo Stato B Vaffancuore vaffancuore vaffancuore vaffancuore,
Vaffancuore Supergiovane “Ma vaffancuore, questo è il terribile analcolico moro.

 

 

Questo post è stato ripreso da AdnKronos, Tiscali News, Padova News.
E dal sito ufficiale di ElioELeStorieTese.

vito tartamella

vito tartamella

7 Comments

    • Grazie Ruggero! Aggiorno l’articolo: “buliccio” era stato un inserimento dell’ultimo momento, mi ero dimenticato di controllare se fosse anche in altre canzoni oltre a Supergiovane. Tra l’altro, in quella stessa canzone mi sono accorto che c’era un’imprecazione (porca l’oca) che mi era sfuggita. Ho inserito anche quella, porca l’oca!

  1. Due piccole considerazioni.
    – Chissà se è consapevole o no il fatto di non aver mai inserito una parolaccia nel titolo di una loro canzone (inizialmente “Pagano” aveva come titolo “Un dito nel culto” e “Il congresso delle parti molli” doveva essere “Buco del membro”)
    – Una piccola perla purtroppo scartata è situtata nel finale della prima versione de “La visione”. Dopo aver giocato per tutto il testo con l’inizio di alcune parolacce che poi significavano altro il tutto “svaniva” con lo splendido “Ti sborro nel cu – Tu sborro nel cu- Ti sborro nel cucchiaio” ove la parolaccia veniva volutamente ripetuta e accostata all’innocuo “cucchiaio”.
    Infine come non dimenticare la versione originale di Plafone ? 😉
    https://www.youtube.com/watch?v=OHx-nynSK68

  2. Avendo conosciuto di persona Rocco Tanica (ed Elio al telefono) posso assicurare che nulla negli Elii è causale. In ogni caso, però, i titoli che lei segnala, per quanto non siano stati usati, erano comunque privi di parolacce: “culto”, “buco” e “membro” non sono parolacce…

  3. ottimo articolo. Bellissima intervista grazie.
    Una cosa, penso ci siano davvero troppi grassetti che trovo tutti superflui, l’articolo è già scritto sufficientemente bene, e ho dovuto leggere in modalità “lettura” di safari perché le colonne a fianco di immagini con solo 3 parole si offuscano ai miei occhi problematici. Perché non mettere le immagini belle in mezzo, non dobbiamo mica fare economia di carta?
    Scusa il commento da rompicoglioni e congratulazioni per il sito e il lavoro

  4. Complimenti davvero per l’articolo e l’intervista, mi ha emozionata. Ho avuto il piacere di conoscerli tutti 20 anni fa, persone fantastiche, in particolar modo Sergio…mi piacerebbe tanto rivederlo

  5. anni e anni di ascolti, di ricerca della citazione, della filosofia nascosta sotto lo sterco. e tu li hai riassunti. Che dire? bravo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *