0

Gli insulti “saporosi” di Umberto Eco

shutterstock_70694629

Umberto Eco è un attento osservatore della società (Shutterstock foto)

Di solito, il mondo accademico italiano snobba le parolacce: le considera un tema pruriginoso e troppo “basso” per occuparsene. Per fortuna ci sono le eccezioni, e anche di spicco: Umberto Eco è una di queste.
All’ultimo Festival della Comunicazione di Camogli, il semiologo italiano più celebre al mondo ha proposto – in contumacia, visto che l’incontro è stato annullato causa maltempo – una lectio magistralis intitolata ” Tu, Lei, la memoria e l’insulto”.
Il testo parla del “tu”, del “lei” e del “voi”, ovvero dei pronomi allocutivi di cortesia, puntando l’indice sul falso sentimento di intimità del “tu”, che sta soppiantando sempre più spesso il “lei”.
In questo contesto, il professore – che mi onoro di citare fra gli estimatori del mio libro – ha colto l’occasione per segnalare un’altra regressione linguistica: il fatto che le parolacce, di solito un elemento essenziale del gergo giovanile, oggi siano dette abbondantemente dagli adulti. Non solo dai politici, che danno il cattivo esempio, ma praticamente da tutti.
E allora, argomenta ironicamente Eco, “che tipo di parolacce può usare oggi un giovane, per sentirsi appunto in polemica coi suoi genitori, quando i suoi genitori e i suoi nonni non gli lasciano più alcuno spazio per una inventiva scurrilità?”. Se oggi le nonne dicono ‘cazzo invece di ‘perdirindindina‘, come potrà un giovane  insultare coetanei e anziani “senza sentirsi un bamboccione che ripete pedissequamente quello che gli hanno insegnato i propri maggiori?“.

Ecco la soluzione di Eco: un elenco di insulti “ormai desueti ma lessicalmente saporosi e, ormai, inediti”: alcuni erano già apparsi tempo fa in una bustina di Minerva dell’Espresso, ma altri sono nuovi. Ecco il prontuario proposto dal professore:

GLI INSULTI DI UMBERTO ECO
Pistola dell’ostrega, papaciugo, imbolsito, crapapelata, piffero, marocchino, pivellone, ciulandario, morlacco, badalucco, pischimpirola, tarabuso, balengu, piciu, cacasotto, malmostoso, lavativo, magnasapone, tonto, allocco, vaterclòs, caprone, magnavongole, zanzibar, bidone, ciocco, bartolomeo, mona, merlo, dibensò, spaccamerda, tapiro, belinone, tamarro, burino, lucco, lingera, bernardo, lasagnone, vincenzo, babbiassso e/o babbione, grand e gross ciula e baloss, saletabacchi, fregnone, lenza, scricchianespuli, cagone, giocondo, asinone, impiastro, ciarlatano, cecè, salame, testadirapa, farfallone, tanghero, cazzone, magnafregna, pulcinella, zozzone, scassapalle, mangiapaneatradimento, gonzo, bestione, buzzicone, cacacammisa, sfrappolato, puzzone, coatto, gandùla, pagnufli, cichinisio, brighella, tombino, pituano, pirla, pisquano, carampana, farlocco, flanellone, ambroeus, bigàtt, flippato, fricchettone, gabolista, gaglioffo, bietolone, gadano, fighetta, imbranato, balordo, piattola, impagliato, asparagio, babbuino, casinaro, bagolone, cucuzzaro, accattone, barabba, loffio, tappo, caporale, toni, macaco, baluba, pappone, pizipinturro, polentone, bonga, quaquaraquà, tarpàno, radeschi, peracottaro, ciculaté, mandruccone, paraculo, fanigottone, scamorza, scricio, mezzasega, rocchettée, pataccaro, pinguino, margniflone, mortodesonno, sbragone, mortadella, peracottaro, scorreggione, pappamolla, furfantello, scioccherello, stolto, sventato e biricchino.

Anche se alcuni non sono così inusuali (burino, cagone, cazzone, fighetta, mezzasega, paraculo, pirla), altri sono davvero divertenti: fanigottone (fannullone, dal milanese “fà nigott”, fare niente) e loffio (floscio, fiacco, insulso, scadente, o stupido, balordo) sono i miei preferiti.
Ma resta aperta una questione: che cosa hanno in comune, nel discorso di Eco, l’uso indiscriminato del “tu” e delle parolacce?
Penso abbiano in comune la stessa causa: la caduta degli dèi e l’avvento del consumismo. Oggi i princìpi morali si sono ridotti a prodotti sullo scaffale di un supermercato: uno vale l’altro, ognuno è libero di scegliere quello che gli conviene. E di cambiarlo un domani, perché viviamo in una società “liquida”, dove il panorama dei valori cambia velocemente, come le mode.
Non esistono “verità”, “religioni”, “ideali”, ma solo opinioni: ognuno ha la propria,e stanno tutte sullo stesso piano. Ecco perché non ci sono più distanze fra le persone: perché nessuno incarna un valore superiore che merita rispetto. Perciò ti do del “tu” e dico tutte le parolacce che mi pare…

Umberto Eco, in ogni caso, non è l’unico semiologo attento agli aspetti emotivi del linguaggio: anche un altro celebre linguista con cui ho avuto il piacere di condividere il palco allo Scriba Festival di Bologna, Paolo Fabbri (già allievo di Roland Barthes) tiene, all’università Luiss di Roma, corsi universitari sull’insulto nell’arte e in politica. C’è almeno di che consolarsi.

vito tartamella

vito tartamella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *