0

Parolacce: la “top ten” del 2015

parolacciaANNOCi sono Madonna, Sergio Marchionne e pure un arcivescovo, nella “Top ten” delle parolacce più clamorose del 2015. Com’è tradizione, ho scelto, fra centinaia di episodi emersi dalle cronache nazionali e internazionali, i più divertenti, inaspettati ed emblematici. Qualcuno, forse, l’avrete già sentito, altri saranno una sorpresa…
Il mio commento è in coda alla classifica, che ho diviso per temi, dalla musica allo sport. Altra novità: trovate la descrizione dettagliata dei 10 episodi nei box azzurri (si aprono cliccando sul “+”).
I lettori di questo sito hanno scelto come autore della parolaccia dell’anno l’arcivescovo Giuseppe Mani, seguito da Nina Moric e Roberto Formigoni: e voi che ne pensate? Scrivetelo nei commenti a questo post.
Auguro a tutti un buon 2016, e colgo l’occasione per ringraziare ancora i tanti navigatori che hanno votato questo blog sul portale bab.la, facendolo classificare al 9° posto internazionale fra i siti professionali di linguistica.

MUSICA

 “Tutte voi cagne che continuate a lamentarvi, potete chiudere quella boccaccia del cazzo”.

Madonna, rockstar, al pubblico che rumoreggiava per il suo concerto iniziato con 50 minuti di ritardo per problemi tecnici, Manchester (Uk), 14 dicembre 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Così la star ha apostrofato il pubblico che si lamentava per lo show iniziato con 50 minuti di ritardo. “Grazie a tutti di aver aspettato. Non mi piace essere in ritardo, a proposito, e tutti voi cagne che continuate a lamentarvi, potete chiudere quella fottuta boccaccia. Non ero là dietro a mangiare cioccolatini, limarmi le unghie e farmi le extension. Il video è andato in tilt e così abbiamo dovuto aspettare fino a quando l’abbiamo riavviato. Non c’era nessun motivo da diva cagna ed egoista. Se voi, dive cagne volete andare avanti a lamentarvi, non venite al mio spettacolo”. Fan di Madonna entusiasti, gli altri molto meno. Alla fine la cantante si è espressa in termini più urbani su Instagram. Difficilmente si era sentito un artista maltrattare così il proprio pubblico.
[ “I want to thank you all for waiting. I don’t like to be late by the way and all you bitches who keep complaining about it can shut the fuck up. I’m not back there eating chocolate, filing my nails and getting my extensions done.
The video crashed… so we had to wait until we could reboot. No selfish diva bitch reason. If you diva bitches want to keep complaining about it [then] don’t come to my show”. ]

L’OSPITE

Dal secondo 12 al 33:

“(Sicilia), sei un’isola di merda!”.

Roberto Vecchioni, cantautore, ospite alla facoltà di ingegneria di Palermo per l’incontro “Mercanti di luce. Narrare la bellezza tra padri e figli”, 3 dicembre 2015

 

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Vecchioni era stato invitato a parlare di cultura e, preso il microfono, si è espresso così: “Credete che sia qua soltanto per sviolinare? No, assolutamente. Arrivo dall’aeroporto, entro in città e praticamente ci sono 400 persone su 200 senza casco e in tutti i posti ci sono tre file di macchine in mezzo alla strada e si passa con fatica. Questo significa che tu non hai capito cos’è il senso dell’esistenza con gli altri. Non lo sai, non lo conosci. E’ inutile che ti mascheri dietro al fatto che hai il mare più bello del mondo. Non basta, sei un’isola di merda. Non amo la Sicilia che rovina la sua intelligenza e la sua cultura, che quando vado a vedere Selinunte, Segesta non c’e’ nessuno. Non amo questa Sicilia che si butta via. Dovrei dire che siete la culla della Magna Grecia? Ma la storia antica, la poesia antica, la filosia antica hanno insegnato a tutto il mondo cos’è l’originalità della vita, la bellezza, la verità, la non paura degli altri. In Sicilia questo non c’è”.
Il suo intervento ha diviso i siciliani. “Non c’è niente di peggio delle banalizzazioni e delle generalizzazioni, quelle in cui, purtroppo, è caduto Roberto Vecchioni. Ci saremmo attesi valutazioni più profonde e meno stereotipate”, ha commentato Renato Schifani (Ncd-Udc). Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha invece dato ragione al cantautore: “Roberto Vecchioni conferma di essere un grande amico della Sicilia e dei Siciliani. Con le sue parole ci ha ricordato che la Sicilia merita molto di più e molto di meglio di ciò che ha oggi. Chi punta l’attenzione su alcune parole forti e colorite usate dal cantautore fa come chi, davanti al dito che indica la luna, si concentra sul dito”.

ECONOMIA

shutterstock_260141705b

“Torniamo a essere gli sfigati dell’auto”.

Sergio Marchionne (foto Shutterstock), amministratore delegato di Fca dopo il debutto di Ferrari in Borsa a Wall Street, 21 ottobre 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
New York. Sergio Marchionne esce dal New York Stock Exchange dove ha debuttato il titolo della Ferrari. Parlando ai giornalisti, Marchionne ha detto: “Dopo la quotazione di Ferrari a Wall Street, per la controllante Fiat Chrysler Automobiles non cambia niente. Continuiamo a fare le vetture senza avere la possibilità di appoggiarci perlomeno come immagine su un marchio di questo calibro. Torniamo a essere gli sfigati dell’auto”. Saranno pure “sfigati”, ma grazie alla quotazione del Cavallino rampante Fca ha incassato circa 980 milioni di dollari. Insomma, un  marketing anche questo: tentare di fare gli umili, i simpatici, per entrare in punta di piedi nel club dei Grandi.

GAY

Elton John

“Venezia sta affondando, ma non quanto il bifolco e bigotto Brugnaro”.

Elton John, musicista, al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che aveva bandito dalle scuole alcuni libri sulle coppie omosessuali, 17 agosto 2015 su Instagram

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, aveva cancellato dai programmi delle scuole cittadine 2 libri che avevano come protagonisti coppie dello stesso sesso. Elton John, gay e padre di due figli con il compagno David Furnish, ha postato un messaggio su Instagram, condividendo una foto della copertina del libro ‘The family book’ di Todd Parr, Elton John: “Questo è uno dei libri di storie preferiti della famiglia Furnish-John e racconta di un mondo totalmente inclusivo in cui le famiglie sono di tutte le forme, dimensioni e colori. E, soprattutto, le famiglie sono una questione d’amore. I nostri figli lo adorano… Dalla parte opposta abbiamo Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia che appare estremamente sciocco. Ha stupidamente scelto di politicizzare libri per bambini, vietando titoli di libri che raccontano di famiglie omosessuali che vivono felici e contente. Così invece di favorire un mondo basato sull’inclusione, la tolleranza e l’amore, sostiene una società futura che è discriminante e favorisce l’ignoranza. La meravigliosa Venezia sta indubbiamente affondando, ma non tanto rapidamente quanto il bifolco e bigotto Brugnaro”.
Il sindaco ha replicato: “Caro Elton John lei mi offende per sostenere le sue ragioni ma credo che rappresenti bene solo l’arroganza di chi è ricco e può fare tutto. Caro ricco Elton John – ha aggiunto in un altro tweet – lei che ama così tanto la mia città, oltre a comprarsi una casa, quali risorse ha mai offerto per salvare Venezia?”.

CURIALE

Cattura

“Il vostro giornale è una schifezza e andate a morire ammazzati voi e il vostro proprietario”.

L’arcivescovo Giuseppe Mani a un cronista dell’Unione Sarda che gli chiedeva un commento sulle inchieste per abusi sessuali su minori che avevano coinvolto esponenti della Curia di Cagliari, 17 maggio 2015.

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
La Curia di Cagliari era finita nel mirino della magistratura per un’indagine su presunti abusi sessuali a minori. Quando un giornalista dell’Unione Sarda ha chiamato per un commento monsignor Giuseppe Mani (che era stato arcivescovo di Cagliari tra il 2004 e il 2012) la risposta del sacerdote è stata sorprendente. Ha detto al giornalista: «Tu puoi scrivere una cosa: “Io ho telefonato a monsignor Mani – scrivilo eh – il quale mi ha detto che non mi risponde perché il nostro giornale è una schifezza e ci manda a morire ammazzati noi e il nostro proprietario. E sia lodato Gesù Cristo”». La sua sconcertante maledizione si può ascoltare a questo link.

LO SBROCCO ASSOLUTO

“Banda di coglioni, figli di puttana, vada a fare in culo, massa di coglioni, teste di cazzo!”.

Roberto Formigoni, senatore Ncd, agli addetti dell’aeroporto di Fiumicino, 19 maggio 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
L’episodio è noto come lo “sbroccogate”: il senatore Roberto Formigoni aveva insultato gli addetti aeroportuali di Alitalia in aeroporto a Roma Fiumicino, perché non l’avevano fatto imbarcare sul volo per Milano. Secondo quanto egli stesso ha riferito, gli avevano detto di recarsi a un gate sbagliato, e aveva perso tempo, arrivando al gate corretto quando ormai le porte erano chiuse. Furibondo per aver perso il volo, Formigoni ha apostrofato gli addetti urlando loro: “Banda di coglioni, figli di puttana, vada a fare in culo, massa di coglioni, teste di cazzo!”. Prima di andarsene, per la rabbia ha scagliato il telefono del banco Alitalia contro una parete. L’episodio aveva fatto scalpore perché stride con la sua militanza in area cattolica (anche se lui aveva tentato di legittimare il proprio comportamento alla luce del Vangelo): ne avevo parlato diffusamente in un post che potete (ri)leggere qui.

SFEGATATA

Saluzzi

“Alonso arrogante, invidioso, pezzo di imbecille”.

Paola Saluzzi, conduttrice di Sky, parlando del pilota di F1 Fernando Alonso su Twitter, 13 aprile 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Intervistato prima del Gran Premio della Cina, Fernando Alonso (McLaren) aveva rivelato di aver lasciato la Ferrari (per cui aveva corso fino al 2014) “ per non arrivare un’altra volta secondo”. La frase ha scatenato l’ira dei tifosi del cavallino rampante, fra cui la Saluzzi. Che in un impeto di rabbia ha twittato : “gli è tornata la memoria e si è ricordato di quanto sia arrogante e invidioso, pezzo di imbecille”. Un’allusione all’amnesia di cui Alonso aveva sofferto dopo un incidente nei test invernali.
Il tweet non è passato inosservato: dopo qualche giorno Alonso si è rifiutato di rispondere ai microfoni di Sky Italia. Così la Saluzzi ha rimosso il tweet e si è scusata, ammettendo di aver ecceduto. Ma nel frattempo Sky aveva deciso di sospenderla dalle trasmissioni.

SPORT

Dal secondo 50:

“Non è giusto che i nostri tifosi siano offuscati da pochi idioti del cazzo e coglioni che bazzicano in Curva sud”.

James Pallotta, presidente della Roma calcio, commentando gli striscioni offensivi dei propri tifosi, 7 aprile 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Durante la partita Roma-Napoli del 4 aprile, alcuni ultrà della Curva Sud avevano esposto striscioni contro la madre di Ciro Esposito, il giovane tifoso ucciso nella Capitale prima della finale di Coppa :“Che cosa triste, lucri sul funerale con libri e interviste”. Per quegli striscioni, la Roma era stata condannata a un turno di chiusura per la Curva sud dello stadio Olimpico.
Così il presidente Pallotta, intervistato da Roma Radio, ha commentato l’episodio dicendo: “Noi come Roma siamo molto frustrati e delusi dalle azioni che sono state prese, purtroppo non abbiamo il potere di intervenire quando succedono questi episodi, i controlli corretti sono stati fatti fuori dallo stadio rimuovendo gli striscioni da rimuovere… Non è giusto nei confronti di tutti i tifosi che vengono allo stadio dover rispondere e subire le conseguenze di azioni fatte da pochi idioti del cazzo e coglioni. Sono sicuro che la gran maggioranza dei tifosi della Roma siano stufi marci di questi pazzi. Dipende da tutti noi – non solo a Roma, ma in Italia – a mettere fine alle loro buffonate”.

[It’s just not fair for all of our fans to be tarnished by a few fucking idiots and assholes that hang out in the Curva Sud. I’m sure that the vast majority of Roma supporters are sick and tired of these fools. It’s up to all of us together – not just in Rome, but in Italy – to put an end to their antics].

Non si era mai sentita, in Italia, una presa di distanze così netta e decisa da parte di un presidente di una squadra di calcio verso la propria tifoseria. Ci è riuscito perché straniero?

SFRONTATA

Dal minuto 1:28 a 4:51

“Quante volte ho detto ‘Roma merda’? Una quantità di volte, impossibile contare”.

Stefano Esposito, assessore ai Trasporti di Roma, 1° settembre 2015 su “La Zanzara”, radio 24

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Stefano Esposito è un senatore Pd, commissario di Ostia ed era da poco stato nominato assessore ai Trasporti a Roma. Piemontese, è un tifoso juventino che non nasconde la propria fede calcistica. Così Giuseppe Cruciani l’ha stuzzicato durante la trasmissione “La zanzara” su radio 24: “Quante volte hai detto Roma merda?”. “oooh! Una quanttià di votle che non sono neanche in grado di contare…”, ha risposto l’assessore. Che si è messo perfino a cantare il copretto: “E Roma merda, Roma Roma merda…” Non vado allo stadio per rispetto ma sempre forza Juve. La battuta ha provocato un vespaio, sia sui social che in politica: oltre agli attacchi di Gianni Alemanno e Francesco Storace, sono arrivate condanne anche da sinistra. Massimo D’Alema, suo compagno di partito e tifoso romanista ha detto: «L’assessore Esposito chieda scusa a quella larga parte della città che ha offeso. Con tutti i problemi che ha la giunta capitolina, non mi sembra proprio il momento per andare a cercarsi altri guai». E il capogruppo di Sel in Campidoglio ha definito l’uscita “incompatibile” col suo ruolo.

Un mese dopo, Esposito è finito nella bufera per aver bestemmiato durante una seduta in consiglio comunale.

FRA SHOWGIRL

Dal minuto 7:30 a 10:47

“È una vera cagna in calore, anche quando è fuori dal letto”.

Nina Moric, showgirl, parlando di Belén Rodriguez a “Radio Selvaggia” su m2o radio, 17 settembre 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
La showgirl croata Nina Moric intervistata da Selvaggia Lucarelli in diretta, che le chiedeva perché tante volte avesse attaccato Belén Rodriguez (ex partner di Fabrizio Corona, da cui la Moric aveva avuto un figlio) ha spiegato che le ruggini riguardavano il suo ruolo di madre adottiva del figlio avuto da Corona: “Andava in giro con le tette di fuori, nuda davanti a mio figlio di 5 anni. Gli faceva la manicure, la pedicure e gli tagliava i capelli corti. Tu, come madre, cosa avresti fatto? […] Lei è una cagna in calore vera, anche quando non è a letto con il proprio fidanzato. È più falsa delle banconote fatte con il papiro. Io non ho niente contro nessuno ma dico le cose in faccia. Se lei vuole parlare e dire il contrario, a me non frega niente. Con mio figlio si è comportata da cagna e ho tutto il diritto di dirlo. È stato uno sfogo. Lei è la preda più facile, non sa rispondere”. La sortita della Moric non sembra aver causato particolari reazioni da parte di Belén.

OSCENA

Dal secondo 56:

“[Hillary Clinton] stava per battere Obama, era favorita per la vittoria, ed è stata uccellonata. Ha perso”.

Donald Trump, imprenditore e candidato alla presidenza degli Usa, durante un comizio a Grand Rapids, 22 dicembre 2015

[ clicca sul + per aprire l’approfondimento ]
IL FATTO
Il miliardario Donald Trump guadagna visibilità (e consensi) facendo sparate sempre più provocatorie e fuori dalle regole. Di fronte a un pubblico di 7.500 persone a Grand Rapids (Michigan), Trump ha detto di non potersi immaginare che Hillary vinca perchè «è una che non ha mai vinto nulla». Per esempio, alle primarie 2008: «Stava vincendo, poi è stata “schlonged”: è un neologismo. Trump ha trasformato in un verbo la parola schlong, termine yiddish che vuol dire “biscione” (pene di grosse dimensioni).

[“She was going to beat Obama… She was going to beat – she was favored to win – and she got schlonged. She lost. She lost.”]

Gaffe? E’ probabile, invece, che sia una strategia precisa per attirare l’attenzione e apparire come una persona schietta, vicina alla ‘pancia’ del popolo. Per noi italiani, abituati da lungo tempo a sortite del genere (pensiamo a Umberto Bossi, Mario Borghezio, Maurizio Gasparri, Silvio Berlusconi, Beppe Grillo…) è un film già visto. Vedremo quanto e se pagherà questa strategia negli Usa, che tanto ci considerano arretrati…

 

Vi è piaciuta la “top ten” del 2015? Potete leggere quelle del 2014, del 2013, del 2012, del 2011, del 2010, del 2009 e del 2008.

 

IL COMMENTO

Il 2015 è stato l’anno della resa dei conti per le parolacce della Lega Nord: Umberto Bossi ha preso 18 mesi per aver insultato l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, chiamandolo “terùn” (terrone); Mario Borghezio (sempre Lega Nord) ha dovuto versare 1.000 euro di ammenda per aver insultato i Rom; e Francesco Ranieri (vicepresidente del consiglio regionale dell’Emilia Romagna) è stato condannato a 15 mesi di reclusione e 150 mila euro di risarcimento per aver pubblicato un fotomontaggio in cui aveva raffigurato il ministro dell’Integrazione, Cécile Kyenge, con le fattezze di un orango.
Sta cambiando il clima, nel nostro Paese? Non molto: un altro esponente della Lega, il senatore Roberto Calderoli, è stato salvato dal processo per discriminazione razziale anche se aveva paragonato anch’egli la Kyenge a un orango. Si è salvato grazie ai senatori del Pd che volevano incassarne il sostegno per le riforme istituzionali…
E così, dato che l’esempio viene dall’alto, gli insulti, anche pesanti, continuano in Parlamento, sui campi di calcio, in tv, fino alle piazze virtuali di Twitter e di Facebook… E non solo in Italia: basti pensare a Donald Trump, candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, che sta cavalcando le volgarità per attirare l’attenzione dei media e solleticare i più bassi istinti degli americani. Per noi italiani – passati da Bossi a Berlusconi, Grillo e Salvini – non è una novità: vedremo se e quanto questa strategia avrà successo in America.
Paul_Wayne_Terry_Tulsa_PoliceE proprio dagli Usa arriva una storia emblematica sull’importanza di un uso attento delle parolacce: è la storia di Paul Wayne Terry (nella foto a destra), un rapinatore, che pochi giorni prima di Natale è stato arrestato in Oklahoma dopo sole 24 ore da una rapina che aveva commesso. La polizia lo ha rintracciato in modo così rapido perché Terry ha sul viso alcuni tatuaggi che non passano inosservati: due corna, sotto cui campeggia la scritta “Fuck cops”, fanculo sbirri… Possiamo dare a Terry un premio di consolazione per l’insulto più avventato del 2015.

MENZIONE SPECIALE

shutterstock_165469178Merita una menzione speciale un personaggio che mai ci saremmo aspettati di associare alle parolacce: papa Francesco. Ho trovato sorprendente che proprio da un papa siano arrivate alcune riflessioni serie, equilibrate e non ideologiche (anche se frammentarie) sul turpiloquio: un dato sorprendente per il capo della Chiesa, e un’ulteriore conferma che Bergoglio è un pontefice molto attento alla società di oggi. Della quale non si erge a giudice: infatti ha ammesso di aver egli stesso imparato a dire parolacce fin dalla tenera età (come tutti noi). «Quando ero in quarta elementare ho detto una brutta parola alla maestra» ha raccontato Bergoglio (foto Shutterstock) durante un’udienza. «Lei, buona donna, ha fatto chiamare mia mamma, e mi ha chiesto di chiedere perdono alla maestra. Lo ha fatto con tanta dolcezza, e sono rimasto contento, ma quello era il primo capitolo: poi, a casa incominciò il secondo capitolo… immaginatevi voi». Ed ecco le riflessioni di papa Francesco sulle parolacce:

  1. sul peso delle parole e l’importanza di rispettare il sacro. Commentando la strage dei giornalisti di Charlie Hebdo che avevano pubblicato vignette satiriche su Maometto, il papa ha detto: «se un amico dice una parolaccia contro la mia mamma, lo aspetta un pugno, è normale… Io non posso insultare, provocare una persona continuamente, perché rischio di farla arrabbiare, rischio di ricevere una reazione non giusta: la libertà di espressione deve tenere conto della realtà umana e perciò deve essere prudente».
  2. sull’inflazione delle parolacce e l’ipocrisia delle buone maniere: «Stiamo diventando una società delle cattive maniere, dove si dicono tante parolacce, anche in pubblico. Ma attenzione: dietro le buone maniere si nascondono spesso cattive abitudini, e questo avviene anche nella religione. Nella storia abbiamo conosciuto anche un formalismo che maschera aridità dell’animo e disinteresse». Insomma, cerchiamo di rispettarci, ma non dimentichiamo che dietro una persona bene educata può celarsi anche un gretto. A volte vale anche il contrario.

Hanno parlato di questo post AdnKronos., il Tempo, Italy Journalil Monito.

vito tartamella

vito tartamella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *